2013

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

/ 20136.570 voti
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Da un romanzo di Jonas Jonasson. Allan è un centenario che sconvolge i piani dell'ospizio in cui soggiorna e che intende celebrare il suo compleanno in pompa magna, scappando dalla struttura ed impelagandosi suo malgrado in una vicenda di losca criminalità.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Hundraåringen som klev ut genom fönstret och försvann
Attori principali: Robert GustafssonIwar WiklanderDavid WibergMia SkäringerJens HulténSven Lönn, Bianca Cruzeiro, Alan Ford, Simon Säppenen, Kerry Shale, Miglen Mirtchev, Lateef Lovejoy, Manuel Dubra, David Shackleton, Johan Rheborg, Eiffel Mattsson, Alfred Svensson, Donald Högberg, Keith Chanter, Philip Rosch, Cory Peterson, Ralph Carlsson
Regia: Felix Herngren
Sceneggiatura/Autore: Felix Herngren, Hans Ingemansson
Colonna sonora: Matti Bye
Fotografia: Göran Hallberg
Costumi: Madeleine Thor
Produttore: Malte Forssell, Henrik Jansson-Schweizer, Patrick Nebout, Felix Herngren, Sigurjón Sighvatsson
Produzione: Svezia
Genere: Drammatico, Commedia, Azione
Durata: 114 minuti

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve / 16 Luglio 2015 in Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Non occorre essere esperti cinefili per rilevare i larghi richiami fatti da quest’opera a celebri film del recente passato: penso a Big Fish, a Il favoloso mondo di Amelie e, soprattutto, a Forrest Gump.
Con il film di Zemeckis la storia di questo simpatico centenario svedese (tratta da un best-seller di Jonas Jonasson) condivide non soltanto la formula del semplice cittadino-del-mondo che condiziona con le sue azioni disincantate la storia moderna del Pianeta. C’è anche l’aspetto, fondamentale, della diversità/disabilità che accomuna i due personaggi: nel caso del centenario Allan, la castrazione subita in gioventù, che lo renderà a suo modo un soggetto unico.
Allan è il Forrest Gump scandinavo, dunque, ma la storia ha comunque dei buoni momenti di originalità, che si fondono nel navigato schema della commedia in cui la banda di cattivi viene in contatto con una variopinta accozzaglia di gente comune che tutto vorrebbe meno che mettersi nei guai.
La metafora del circo (l’elefante, ma anche il grosso camper su cui viaggiano i protagonisti nel finale) è azzeccatissima per celebrare le gesta di questo simpatico gruppetto.
Resta, in ogni caso, un film prettamente d’evasione: per avere qualcosa di veramente memorabile occorre rivolgersi ai summenzionati archetipi.

Leggi tutto

1 Febbraio 2015 in Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Le intenzioni erano buone. Più o meno i primi 40 minuti di film sono risultati interessanti e incalzanti almeno quanto il libro. Poi il ritmo è scemato fino a non attirare più l’attenzione, se non su i minuti mancanti alla termine della pellicola.

17 Agosto 2014 in Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Hai presente l’amico che ha fatto tutto, che conosce tutti, che ha sempre un aneddoto da raccontare? Ecco io quel amico non lo sopporto e così non ho sopportato questo centenario (ho mollato il libro ma gli ho dato una possibilità al cinema), fin dall’inizio con quel modo idiot che si lascia scorrere tutto addosso e poi le peripezie storiche per dire cosa poi?
Non lo trovo nemmeno divertente, boh forse ho un problema con i centenari….

Leggi tutto

dinamite, che passione…. / 30 Aprile 2014 in Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Un titolo alla Wertmueller per ripercorrere in maniera dissacrante ed ironica un secolo di avvenimenti europei attraverso la storia strampalata di un vecchio con la passione degli esplosivi che decide di fuggire dalla casa di riposo proprio nel giorno dei festeggiamenti per il suo centesimo compleanno.
Filmetto senza pretese , adattissimo per farsi qualche risata qua e là e per trascorrere un’ora e mezza di tempo in un uggioso lunedì di fine aprile , che non credo verrà mai indicato fra quelli da non perdere .

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.