Recensione su Ichi the Killer

/ 20027.4106 voti

For a pervert like you, i was waiting.. / 10 aprile 2014 in Ichi the Killer

Due ore di pura follia quelle descritte nel film-capolavoro di Takashi Miike che si rifà alla storia dell’omonimo manga scritto e disegnato da Hideo Yamamoto.

Uno che secondo me dovrebbero rinchiudere senza penarci su due volte. Perché io l’ho letto Ichi the Killer. L’ho finito giusto un paio di giorni fa. E posso affermare con cognizione di causa che è davvero un nonnulla la perversione maniacale estrapolata da Miike per fare il film.

Ho faticato a scorrere le fitte pagine di quei dieci volumi, a metà avevo la nausea per quel tanto, troppo sadismo. Sangue. Peni (everywhere). C’era troppo di tutto. Un’esperienza forte che consiglierei a chi ha apprezzato il film senza conoscere l’opera da cui è stato ispirato00.

Perchè il film, tutto sommato scorre bene. In confronto al manga, la versione del genio sanguinario della cinematografia horror/pulp giapponese sembra quella di un film Disney. Che tralascia il cattivo gusto per accontentare gli occhi di tutti. Com’è giusto che sia, aggiungerei. I manga sono indirizzati ad un ristretto numero di persone, mentre il cinema cattura ben altre attenzioni. E non tutti sono di stomaco forte.

Il simpatico uso di effetti speciali da B-movie e quello sconsiderato abuso di sangue finto ha permesso a Ichi the Killer di colpire anche nella sua versione su pellicola, spettacolarizzandone l’originale violenza esasperata e rimanendo molto fedele alla sua grottesca controparte cartacea, a cui però è stato riservato un finale leggermente diverso.
E dove Kakihara non figurava come un buffone da circo dai capelli giallo paglierino, ma è sempre rappresentato come un distinto uomo della yakuza, cicatrici atroci a parte. Senza camicie con le rouches o cose del genere.

Seppure il film mi sia piaciuto, ho senz’altro preferito di più il manga.

1 commento

  1. Francesco / 10 aprile 2014

    Miike è bravo a ricreare l’atmosfera generale del manga (di cui sono attualmente fermo al volume 4) e la violenza esagerata che ha partorito quel pazzarello di Yamamoto, anche se in maniera più contenuta. Mi piace il continuo confronto tra Ichi e Kakihara, i loro due modi di vedere/sentire il dolore ed il piacere. Praticamente sono due facce della stessa medaglia.
    Quando finirò il fumetto potrò fare un paragone più completo. Allo stato attuale ti do ragione: la versione cartacea è molto meglio. Il film è inferiore, ma l’ho trovato comunque di gran livello. Un po’ come Akira: il fumetto è sicuramente meglio, ma il film è comunque meraviglioso.
    Ti consiglio Homunculus dello stesso autore comunque. E’ molto diverso da Ichi, ma merita ugualmente 😉

Lascia un commento

jfb_p_buttontext