?>Recensione | I ragazzi stanno bene | Soprassediamo.

Recensione su I ragazzi stanno bene

/ 20106.5285 voti

Soprassediamo. / 9 agosto 2014 in I ragazzi stanno bene

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Coppia lesbica a parte, tra questo film e milioni di miliardi di altri che affrontano il tema della famiglia e degli scossoni “lungo la strada”, non c’è alcuna differenza. Il che può essere un bene, dato che descrive come “normale” una situazione potenzialmente anomala .
Però, l’uso di convenzioni e di stereotipi ad hoc usati qui per “addolcire la pillola”, per umanizzare, quasi, la pellicola, alla lunga sono davvero irritanti, perché, nel tentativo di “normalizzare” la situazione descritta (come se, per natura, essa non fosse plausibile!), questa viene edulcorata fino allo sfinimento.
Il personaggio della Bening, poi, è quanto di più irritante io odi ritrovare sullo schermo: i personaggi con quel tipo di presenza di spirito, quella platealità, sono tra quelli a me più invisi. Ho di gran lunga preferito la “difettosa” Jules della Moore, ben interpretata, tra l’altro.
Discreta e capace anche l’allora particolarmente giovane Wasikowska.
M. Ruffalo che, alla fine, le prende sonoramente a destra e a manca, è adeguatamente piacione, ma il suo personaggio, a conti fatti, è quello più deprecabile, finto come una moneta da tre euro.
Bella colonna sonora.
Per il resto, soprassedibile.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext