Recensione su I Guerrieri Della Notte

/ 19797.7249 voti

“Guerrieri… giochiamo a fare la guerra?” / 14 Marzo 2016 in I Guerrieri Della Notte

The Warriors,culto del cinema “da strada” americano.Film diretto da Walter Hill,”I guerrieri della notte” è il tipico esempio del cinema newyorkese degli anni 70,sceneggiature incredibili ambientate negli scenari più “nudi e crudi”della “Grande Mela”.La trama racconta le vicende dei “Warriors”,una gang proveniente da Coney Island,che,in una calda notte d’estate,si ritrova con i suoi 9 elementi più caratteristici nel Bronx,zona calda dei Riffs,una potente gang del posto,il cui leader ha deciso di riunire tutte le gang della città per potersi sostituire al potere statale.Tuttavia Cyrus,profeta dei Riffs,viene assassinato quella sera stessa,e gli esecutori del delitto vengono identificati erroneamente nei Warriors.Da qui in poi i 9 affronteranno varie peripezie che li condurranno a scontri a mani nude per le vie di New York,passando dalle varie stazioni metro a “scazzottate” nel mezzo di Riverside Park.Vero e proprio “cult” della storia del cinema,il film trova i suoi “picchi scenici” nei momenti più concitati dell’azione da strada,nel bel mezzo di vere e proprie risse condite da una splendida caratterizzazione dei personaggi secondari,tuttavia assente nei protagonisti della vicenda,ossia i Warriors stessi.Ambientazione fantastica,supportata da una più che buona fotografia,destano qualche perplessità alcuni personaggi:Cleon,il capo dei Warriors,il cui destino sconosciuto lascia lo spettatore confuso,e Mercy,la cui presenza risulta inutile per la maggior parte del tempo,fatta eccezione per quei rari momenti in cui si intravede una ricerca “psicologica” e di riscatto sociale negli occhi di Swan,secondo leader dei Guerrieri.Anche i combattimenti,veri protagonisti del film,sono piuttosto paradossali.I Guerrieri della notte sono quindi un capolavoro a metà,opera incompiuta che avrebbe potuto ambire alle vette del cinema di tutti i tempi.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext