Lost River

/ 20146.131 voti
Lost River

Nella misteriosa cittadina di Lost River, una giovane madre ed il figlio adolescente vengono separati: lei viene rinchiusa in un mondo sotterraneo, il ragazzo scopre un universo sottomarino.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Lost River
Attori principali: Christina HendricksSaoirse RonanEva MendesMatt SmithBen MendelsohnIain De Caestecker, Reda Kateb, Barbara Steele, Landyn Stewart, Rob Zabrecky, Shannon Plumb, Torrey Wigfield, Misty Robinette, Holly Schlegel, Thomas McDonald, Larry Mongo, Robert Skrok, Aris Costner, K.T. Almujahid, Joseph Norman, Angela Hearts-Glass, Dorothy Bennich, Darnell James, Alexis Mabry-Hart, Alexander Burke, Ron Causey, Nesti Gee, Jeff Hill, Garrett Thierry, Carey Torrice
Regia: Ryan Gosling
Sceneggiatura/Autore: Ryan Gosling
Colonna sonora: Johnny Jewel
Fotografia: Benoît Debie
Costumi: Erin Benach, Jonny Pray
Produttore: Jeffrey Stott, Marc Platt, Ryan Gosling, Adam Siegel, David Lancaster, Michel Litvak, Gary Michael Walters, Noaz Deshe
Produzione: Usa
Genere: Thriller, Fantasy
Durata: 95 minuti

8 Marzo 2017 in Lost River

Non è un horror, non è un thriller. In realtà non so esattamente cosa sia questo film d’esordio di Ryan Gosling, il protagonista di “Drive”. Trama confusa e sovrabbondante, troppa carne sul fuoco. Forse cercava un po’ troppo di imitare Refn.

Pecca un po’ / 2 Febbraio 2017 in Lost River

Gosling pecca un po’ in quanto a trama, ma certamente un film che colpisce per altri aspetti. La fotografia è eccezionale e l’atmosfera onirica richiama certamente un regista che amo molto (David Lynch). È vero. La trama è scarna e grottesca, ma offre diversi spunti di riflessione.

Gosling prova, non va… / 31 Gennaio 2017 in Lost River

L’esordio di Ryan Gosling come regista, è, almeno a mio parere, davvero insulso. Questo film, onestamente, non l’ho proprio capito (un po’ come Solo Dio Perdona -anche se questo anche molto meno-, mi sa che Ryan ha preso spunto da quell’esperienza). Comunque sullo sfondo di una cittadina disastrata, a pezzi, vediamo la storia di una madre che deve pagare in qualche modo il debito sulla sua casa (Christina Hendricks) che accetta a colpo sicuro uno strano, a dir poco, lavoro. Intanto il figlio (Iain De Caestecker) campa vendendo il rame ricavato dalle tubature delle case distrutte della cittadina, che veramente cade a pezzi. Ma deve vedersela con il “bullo” locale (Matt Smith) e, insieme all’amica vicina di casa (Saorsie Ronan) scopre la verità o quello che è su un passaggio oltre il fiume, che lo porterebbe lontano da quel luogo assurdo. Io sinceramente continuo a dire che ci ho capito poco. Un film veramente atipico, dovrebbe essere un thriller, ma incorpora moltissimi elementi mai ben definiti, e proprio questo è il difetto secondo me, non arrivi proprio a capo di nulla con il passare del tempo, mentre all’inizio parecchia curiosità c’era, soprattutto nel capire un po’ meglio la situazione generale. Ma poi passa e di fatto ti restano impressi solo la bella Eva Mendes e l’undicesimo Doctor Who più rintronato (e cattivo) del solito; e poi c’è anche Ben Mendelhson (Krennic in Rogue One tanto per dire un ruolo recente). Sul cast non si può dire nulla, perché comunque ci sono nomi abbastanza importanti e non sfigurano, però è un po’ poco. Gosling, a me non mi hai proprio convinto, ma magari sono solo io che non ho capito il film. Boh.

Leggi tutto

22 Aprile 2015 in Lost River

Bello, esteticamente perfetto, con una storia intrigante e girato con stile da un debuttante come Gosling, che evidentemente ha imparato bene dai registi con cui ha lavorato. A mio parere Lost River è un’opera prima che merita attenzione e sicuramente meno critica arcigna, perchè se questo è il debutto, il potenziale c’è. Nel corso dei 90 min. di durata si è condotti per le strade della decadente Lost River, in un presente malinconico e senza speranze, alla conoscenza di personaggi affascinanti, ben recitati da Christina Hendrick, Saoirse Ronan, Matt Smith e dal protagonista Iain De Caestecker, che oltre che bravo, è un po’ un tipo alla Gosling. Certe trovate sono deliziosamente riuscite, come i locali gore e la città sommersa, così suggestivamente inquadrata e i tocchi di neon e gli spruzzi di sangue, insieme ad una grandissima colonna sonora, bella come quelle di Refn (ma Tell Me cantata dalla Ronan sembra uscita anche da Twin Peaks), perfetto accompagnamento alle inquadrature di natura e città, splendide e desolanti allo stesso tempo, sono solo alcuni degli ingredienti di Lost River, che ha dalla sua un innegabile gusto del regista (come negare la bellezza della casa in fiamme, della prima apparizione di Face, o del “duello” finale inframezzato dalla corsa della Hendricks?). L’estetica del film è il giusto mezzo per veicolare una storia ben presente, assolutamente gradevole, dal bel finale e per chi conosce Gosling e il suo progetto musicale Dead Man’s Bones, totalmente coerente con temi già esplorati, eccellentemente, in musica.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.