Recensione su Hours

/ 20135.925 voti

Pensavo peggio / 7 giugno 2017 in Hours

Di film sull’uragano Katrina a New Orleans ce ne sono davvero tantissimi, è una cosa constata. Qualcuno riesce meglio, qualcuno peggio. Devo dire che ero partito con pochissime aspettative su questo titolo, visto giusto per la presenza del povero Paul Walker, che in realtà riesce da solo a portare il film alla sufficienza. In pratica il giorno del parto della sua moglie, che peraltro muore, si abbatte l’uragano, e la figlia, nata prematura, deve stare nella macchina di respirazione per 48 ore. Solo che la batteria fa presto a scaricarsi, e si ricarica, quando va bene, per appena 3 minuti, e Walker deve farcela completamente da solo, senza luce, acqua, senza praticamente nessun aiuto o contatto all’esterno (anzi, quelli arrivano pure e sono tutt’altro che positivi) cercherà di salvare almeno la vita della sua bambina. Il film come detto non è chissà che, anzi, a tratti è anche parecchio statico e prevedibile, però Paul Walker qui dimostra di essere stato un attore quantomeno decente ed è quasi sempre convincente nel suo ruolo. Il sei ci sta.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext