Recensione su Viaggio verso Agartha

/ 20116.533 voti

Agartha, la civiltà sotteranea / 15 luglio 2014 in Viaggio verso Agartha

Agartha, terra fantastica e leggendaria, situata al di sotto della superficie del pianeta da tempi antichi.
Che Makoto Shinkai sia estimatore di Miyazaki, in particolare del suo Laputa, si evince benissimo anche da questa pellicola: come il maestro dello Studio Ghibli attinse dalla tradizione letteraria il mito di una civiltà situata all’altezza delle nuvole per creare la sua opera, così il regista di 5 Cm Al Secondo riprende il mito del regno di Agarthi, sviluppato dallo scrittore Willis George Emerson per dar vita a questo Viaggio Verso Agartha.
Un aspetto notevole di Shinkai, che conferma la sua stima per Miyazaki e contribuisce moltissimo alla costruzione della sua fortuna, è la maniacale e quasi ossessiva cura per la veste grafica. Una caratteristica nota del regista, e questo Viaggio Verso Agartha conferma appieno la regola. Tutto è appagante sotto il punto di vista visivo: i paesaggi, il cielo, le luci, le ombre. E le belle musiche non fanno altro che esaltare appieno la bellezza delle immagini.
L’amore a distanza, tema carissimo al regista, qui lascia il posto all’amore perduto e irrecuperabile. Oltretutto non venendo mai abusato e riproposto fino allo stremo, grazie ad una storia piacevolmente indirizzata sull’avventura e sul viaggio fantastico.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext