Recensione su Il matrimonio che vorrei

/ 20126.180 voti

20 Gennaio 2014

40enne ex vergine vestito malissimo aiuta due tardoni a risvegliare amore e passione, sopite da troppi anni.
L’originale Hope Springs diventa un indecente IL MATRIMONIO CHE VORREI, per l’insana e maledetta abitudine di far diventare feci ogni titolo anglofono.

Storia leggermente pesante, tipo che la prima mezz’ora è durata quanto Ben Hur, la seconda mezz’ora quanto Schindler’s List, ma tutto poi è piacevole, melenso e inverosimile.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext