?>Recensione | I miei vicini Yamada | Storie di una piccola...

Recensione su I miei vicini Yamada

/ 19997.324 voti

Storie di una piccola famiglia per Takahata / 20 aprile 2014 in I miei vicini Yamada

My Neighbors The Yamadas è una pellicola del 1999 dello Studio Ghibli, nonché il quarto lungometraggio animato affidato alla regia di Isao Takahata ed inedito dalle nostre parti.
Lo Studio Ghibli abbandona momentaneamente le sue animazioni coloratissime ed il suo caratteristico chara design per narrare la storia di una piccola famiglia giapponese. Personaggi e fondali qui assumono una forma più vicina alla bozza, allo schizzo preparatorio preproduzione, con pochi dettagli. Ciononostante, il film regala comunque (seppur in piccole dosi) alcune animazioni davvero curate. Sono del parere che il disegno elementare mostrato da questa pellicola non debba essere giudicato negativamente a priori. Bisogna infatti tener conto che le piccole storie autoconclusive dei cinque membri della famiglia Yamada prendono ispirazione da un 4-koma manga, ovvero una raccolta di strisce comiche, solitamente composte da quattro vignette. Si può accettare quindi, l’anomalo stile grafico utilizzato e lasciarsi coinvolgere invece dalla grande sensazione di simpatia che trasmette facilmente l’opera.
Molto belle anche le musiche di Akiko Yano, che accompagnano questo scorrevole film di un’ora e tre quarti.

6 commenti

  1. Stefania / 20 aprile 2014

    Ho questo titolo da diverso tempo, ma non l’ho mai visto: dovrei decidermi…

  2. Francesco / 21 aprile 2014

    @stefania anch’io avevo questo film da parte da parecchio tempo. Forse non è tra gli imperdibili dello Studio Ghibli, però è abbastanza particolare da meritare una visione.

  3. icarus / 22 aprile 2014

    Forse potrebbe interessarvi anche dare un’occhiatina a questo cortometraggio utilizzato come spot per la Nippon Television Network.
    Anche in questo caso ricorre uno stile minimalista similmente atipico; si tratta inoltre di uno dei pochissimi lavori diretti (oltre che animati) dall’indimenticato Yoshifumi Kondo, malgrado la scheda attesti diversamente.

  4. icarus / 23 aprile 2014

    Come darti torto?… -.-‘

Lascia un commento

jfb_p_buttontext