His House

/ 20206.131 voti
His House

Una coppia di rifugiati sudanesi ottiene asilo politico e un alloggio in Gran Bretagna e, provando a dimenticare gli orrori della guerra, prova a costruirsi una nuova vita. La legge britannica sull'immigrazione e sull'assegnazione degli alloggi impone che gli assegnatari non possono assentarsi dalla casa, pena la perdita dei benfici. Ma la coppia ignora che la loro abitazione nasconde un oscuro segreto.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: His House
Attori principali: Sope DirisuSope DirisuWunmi MosakuWunmi MosakuMatt SmithMatt SmithmaschioMalaika Wakoli-AbigabaJavier BotetJavier BotetEmily Taaffe, Rasaq Kukoyi, Vivien Bridson, Cornell John, Bradley Banton, Gamba Cole, Scott Michael Wagstaff, Ty Hurley, Mevis Birungi, Yvonne Campbell, Rene Costa, Andy Gathergood, Mark Gooden, Marie Hamm, John Kamau, John Samuel Kande, Tabitha Wady, Steven Blakely, Dominic Coleman, Sally Plumb, Roland Manookian, Anzor Alem, Mostra tutti

Regia: Remi WeekesRemi Weekes
Sceneggiatura/Autore: Remi Weekes
Colonna sonora: Roque Baños
Fotografia: Jo Willems
Costumi: Holly Rebecca
Produttore: Arnon Milchan, Roy Lee, Aidan Elliott, Martin Gentles, Edward King, Natalie Lehmann
Produzione: Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Thriller, Horror
Durata: 93 minuti

Dove vedere in streaming His House

Tre livelli di orrore / 12 Aprile 2021 in His House

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Benché non esente da qualche difetto, His House coniuga bene la cronaca internazionale e la denuncia sociopolitica (in stile Jordan Peele, per intenderci) con l’horror tout court.

L’aspetto orrorifico del racconto si esplica su almeno tre livelli:
– la casa infestata (con relativa costruzione di immagini disturbanti a tema ed elaborazione di jumpscare): è un elemento di genere, classico e, forse, è il punto debole del film, per quanto, inizialmente, sia perturbante. A proposito di elementi narrativi tradizionali, però, ho trovato efficace l’uso del plot twist;
– il contesto di partenza e il viaggio: orrore puro, perché reale, drammaticamente quotidiano;
– il contesto di arrivo (burocrazia, adattamento forzato e improvviso, intolleranza, diffidenza, limitazioni economiche e di movimento): angoscia, anche questa reale, che rischia di evolversi in patologia psichiatrica (e che riverbera con accenti “fantastici”, per esempio, nel senso di disorientamento/nel labirinto delle strade del quartiere in cui la donna smarrisce il senso dell’orientamento).

Leggi tutto

4 Novembre 2020 in His House

Le mie visioni di novembre non sono iniziate benissimo. “Antiporno” e “Boy Erased” non mi hanno per niente entusiasmato, nonostante avessi delle buone aspettative.

Ma poi arriva lui, l’outsider.
Sì, perché non l’avevo in alcuna watchlist e l’ho guardato così, quasi per errore. E non me ne pento affatto.

Un film horror politicamente impegnato – così come qualcuno lo ha definito. E forse è questa la definizione migliore, ma c’è dell’altro.
“His House”, film d’esordio di Reeni Weekes, è un film sulla paura, sull’irrisolto, sul trauma, sull’ipocrisia, sul viaggio, sulla perdita.
C’è tutto, ben mixato in un lungometraggio di soli 93 minuti.

Il tentativo di trattare stati d’animo e vissuti così problematici, così come quelli dei migranti, attraverso la lente del soft horror, è andato a segno. Colpito e affondato.

Grandissimo film.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.