Schegge di follia

/ 19896.885 voti
Schegge di follia

Veronica, una brillante adolescente, frequenta un liceo americano ed è costretta a vivere ogni giorno a contatto con le manie e le abitudini perbeniste e venali delle sue amiche. Anche se non approva fino in fondo questa situazione, decide di far buon viso a cattivo gioco, ma le cose cambiano quando incontra un misterioso e affascinante ragazzo che si ribella alle regole e con il quale stringe un profondo e morboso legame d’amore. Costui si sente come un giustiziere chiamato a ripulire il mondo da tanta superficialità, ma la sua mania di grandezza sfocerà ben presto nell’eccesso, portandolo alla rovina…
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Heathers
Attori principali: Winona RyderWinona RyderChristian SlaterChristian SlaterShannen DohertyShannen DohertyLisanne FalkLisanne FalkfemminaKim WalkerPenelope Milford, Glenn Shadix, Lance Fenton, Jennifer Rhodes, Jeremy Applegate, Patrick Labyorteaux, Jon Matthews, Carrie Lynn, Phill Lewis, Renée Estevez, John Zarchen, William Cort, John Ingle, Stuart Mabray, Sherrie Wills, Larry Cox, Kent Stoddard, Mark Carlton, Curtiss Marlowe, Andrew Benne, Kevin Hardesty, Josh Richman, Bess Meyer, Betty Ramey, Aaron Mendelsohn, Kirk Scott, Mark Bringelson, Chuck Lafont, Christie Mellor, James 'Poorman' Trenton, Adrian Drake, Mostra tutti
Regia: maschioMichael Lehmann
Sceneggiatura/Autore: Daniel Waters
Colonna sonora: David Newman
Fotografia: Francis Kenny
Costumi: Rudy Dillon
Produttore: Denise Di Novi
Produzione: Usa
Genere: Commedia
Durata: 103 minuti

Dove vedere in streaming Schegge di follia

Heathers / 12 Maggio 2020 in Schegge di follia

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Per chi ha vissuto l’adolescenza negli anni’90 questo film rappresenta una sorta di cult.
Come l’onirico “Donnie Darko” un racconto macabro e malato, un viaggio nella devianza legata alla repressione, nel consumismo e nella sopraffazione nei confronti di chi non si sa difendere.
Un film che mostra come il perbenismo e il conformismo statunitense possano essere causa di un’insoddisfazione latente, una sorta di mondo fasullo dove la scuola viene vista come una specie di catena alimentare dove il pesce più grande mangia il pesce più piccolo, dove le altre istituzioni come la famiglia sono totalmente inadeguate al ruolo di educatrici, dove i mass-media non sono altro che avvoltoi in cerca di ascolti e dove sentimenti come l’amore e l’amicizia sono solo delle effimere illusioni.
E la ribellione giovanile che il personaggio di J.D. (le stesse iniziali di James Dean) vorrebbe incarnare alla fine trova solo il pretesto per sfociare nella pazzia.
Sotto la patina da commedia giovanile questo film è pregno di significato e carico di provocazione(uccidere gli studenti più in vista di un liceo bigotto, ipocrita e dominato dalle apparenze e dalla vana ricerca della popolarità è un disperato tentativo di opporsi all’estrema infelicità che quel clima malato ha costituito), un film con un tale humor nero e delirante che nemmeno Quentin Tarantino avrebbe saputo fare.
Due parole sull’interpretazione degli attori protagonisti: bravissima, come sempre, Winona Ryder nei panni dell’intraprendente e coraggiosa Veronica(questo film ha rappresentato per lei all’epoca la consacrazione a nuova stella di Hollywood) ma un plauso particolare va a Christian Slater, attore che mi e’ sempre piaciuto molto ma che non ha avuto mai modo di farsi conoscere a dovere.
Una grottesca e spietata favola dark su cui si dovrebbe riflettere molto. Un peccato che sia così poco conosciuta nel nostro paese.

Leggi tutto

22 Aprile 2013 in Schegge di follia

Chissà perchè i registi americani ce l’hanno così tanto con il liceo: Carrie, l’intera serie di Buffy l’Ammazzavampiri, Scream, High School Musical, tutti film terrificanti insomma, dove è rappresentato come un girone infernale, dove ognuno è sottoposto ad un supplizio. E’ una vera lotta per la sopravvivenza, un microcosmo con le sue regole e le sue gerarchie. In “Heathers” tutti questi meccanismi vengono esasperati, risultando comici, grotteschi, perversi. Alle tre Heather,le classiche ragazze bellericche&viziate,si oppone Veronica,quella alternativa stufa dei soprusi dei ragazzi più popolari, con l’aiuto di quello tenebroso&taciturno. Come al solito,si gioca sugli stereotipi, ma in questo caso lo si fa per sottolinearne l’inconsistenza,la paurosa omologazione e la disumanizzazione a cui si è portati pur di sentirsi accettati o temuti, il cui simbolo sono le tre Heather: stesso nome,stessi vestiti,stesso cervello. Esilarante anche la presentazione del mondo degli adulti, un mondo di ciechi, più superficiali degli adolescenti,e molto più arroganti! Io comunque rimango dell’opinione che il cinema sopravvaluti di gran lunga il mondo degli adolescenti.

Leggi tutto