Headhunters

/ 20126.550 voti
Headhunters

Da un romanzo di Jo Nesbø. Pur avendo un lavoro di successo, aiutato da Ove, responsabile di una ditta di sorveglianza, Roger svaligia le case da dipinti di valore, al fine di assicurare alla moglie Diana, a cui nega la possibilità di avere un figlio da lui, un lussuoso stile di vita. Un giorno, Diana presenta a Roger un uomo, Clas, palesemente attratto dalla donna. Quando Diana comunica a Roger che Clas possiede un dipinto di Rubens, l'uomo ne progetta il furto, lo compie, ma da quel momento le cose inizieranno ad andare storte.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Hodejegerne
Attori principali: Aksel HennieNikolaj Coster-WaldauSynnøve Macody LundJulie R. ØlgaardEivind SanderBaard Owe, Kyrre Haugen Sydness, Reidar Sørensen, Nils Jørgen Kaalstad, Joachim Rafaelsen, Mats Mogeland, Gunnar Skramstad Johnsen, Lars Skramstad Johnsen, Signe Tynning, Nils Gunnar Lie, Sondre Abel, Mattis Herman Nyquist
Regia: Morten Tyldum
Sceneggiatura/Autore: Lars Gudmestad, Ulf Rydberg
Colonna sonora: Jeppe Kaas, Trond Bjerknes
Fotografia: John Andreas Andersen
Costumi: Karen Fabritius Gram
Produttore: Asle Vatn, Marianne Gray, Mikael Wallen, Christian Fredrik Martin, Lone Korslund, Anni Faurbye Fernandez
Produzione: Norvegia, Germania
Genere: Azione, Thriller, Poliziesco
Durata: 100 minuti

Niente male / 9 Febbraio 2017 in Headhunters

Il film all’inizio sembra un po’ da serie tv. Poi decolla e regala emozioni sullo stile del film “Il fuggitivo”. Nel finale non mi è piaciuto per come si è voluto ingarbugliare troppo le cose, al punto che il protagonista spiega (opportunamente) quello ha aveva fatto…Vuol dire che la sceneggiatura lì è stata carente.

E bravi i norvegesi! / 25 Settembre 2016 in Headhunters

Il protagonista di questo thriller è un uomo d’affari ricco e potente, che possiede una bellissima casa ed è sposato con una bellissima moglie. Tutto bene? Un corno. Per mantenere la moglie e le varie spese che gli toccano sostenere per mantenere uno stile di vita del genere, questo è costretto (e, soprattutto, abilissimo) a rubare e sostituire con copie perfette opere d’arte nelle case dei privati. Tutto procede “bene”, finché non si presenta un imprenditore olandese che, a quanto pare, possiede un rarissimo quadro. Sembra l’occasione giusta per fare un sacco di soldi, ma le cose non andranno esattamente come previsto. Un thriller davvero sorprendente, capace di coinvolgere, stupire, ma anche divertire e sorprendere con delle trovate di humor nero ed anche un po’ grottesche, oltre che con alcuni bei bagni di sangue. Una storia decisamente appassionante ricchissima di colpi di scena ti tiene sempre attaccato allo schermo. Una vera sorpresa, questi norvegesi ci hanno preso in pieno, e bravi anche gli attori, anche se non ho la minima idea di chi sono (Coster-Waldau a parte e il protagonista che ha avuto qualche ruolo minore in qualche recente Blockbuster hollywoodiano), davvero bravi. Una gran bella sorpresa ed un film consigliato a tutti gli appassionati di thriller fatti bene.

Leggi tutto

Headhunters: asettico Tyldum / 19 Gennaio 2015 in Headhunters

Thriller sufficiente, zeppo di falle narrative, alla fine si lascia comunque guardare.
Alla luce di questo film, avendo visto in precedenza il recente The Imitation Game, trovo conferma del fatto che la regia di Tyldum è decisamente asettica: a seconda dei punti di vista, ciò può essere un pregio o un difetto.
Diciamo che, per quel che mi riguarda, un pizzico di carattere in più non gli guasterebbe, giusto per essere ricordato al di là del complesso narrativo a cui si appoggia.

Doppiaggio italiano da dimenticare: va beh, c’è Christian Iansante che si salvicchia, ma Andrea Ward… diamine, piatto ed incolore: quando il suo personaggio (Roger, il protagonista) apre bocca, sembra di sentir leggere, non so, le estrazioni del lotto.

Leggi tutto

Però… la Norvegia ci stupisce… 7! / 11 Febbraio 2014 in Headhunters

Un film in sordina, consigliato da un amico, con la certezza che avrei visto un film “da panico”. Ebbene si: già dai primi minuti il film si fa avvincente, col fiato sospeso, crudo, spietato, un po’ sopra le righe, ma bello. Sconosciuto da noi, credo, ed è un peccato! vedetelo: 7.

15 Gennaio 2014 in Headhunters

Thriller norvegese avvincente ed iperrealista tratto da un romanzo. Una bella sorpresa.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.