Head Over Heels

/ 20127.534 voti
Head Over Heels
Head Over Heels

Un'anziana coppia di coniugi vive nella stessa casa, una bella villetta sospesa nel cielo, ma l'uno a testa in giù rispetto all'altra. I due non si parlano e, anzi, sembrano mal sopportarsi vicendevolmente. All'improvviso, la casetta atterra nel bel mezzo di un deserto.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Head Over Heels
Attori principali: Nigel AnthonyRuth Rayyah McCaulRegia: Timothy Reckart
Sceneggiatura/Autore: Timothy Reckart
Colonna sonora: Jered Sorkin
Produttore: Fodhla Cronin O'Reilly
Produzione: Gran Bretagna
Genere: Animazione, Cortometraggio
Durata: 10 minuti

Quando uno non chiarisce… / 21 Marzo 2013 in Head Over Heels

Visione della coppia decisamente pessimista ma tanto reale.
Vivere in coppia è spesso un’impresa, se poi invece di risolvere le questioni (importanti o meno che siano) si fa finta di nulla si vive in mondi opposti fino al sopportarsi (PESSIMA SOLUZIONE!!! FIDATEVI!!!).
Il finale è ancora più inquietante anche se tristemente vero: non c’è soluzione se non quella si sopportarsi. I due non tornano sullo stesso mondo ma, continuando a pesnarla diversamente, vanno avanti…
Per quanto?
Credo molto poco.
Ad maiora!

Leggi tutto

21 Marzo 2013 in Head Over Heels

Che visione orribile del matrimonio…..eppure spesso così reale.
Toccante.

10 Febbraio 2013 in Head Over Heels

Toccante e originale, proprio delizioso.

9 Febbraio 2013 in Head Over Heels

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Cortometraggio animato metaforico ed emozionante.

Il distacco tra i due coniugi, qui rappresentato dall’opposizione (e dall’equilibrio!) dei loro “piani esistenziali”, è racconto-immagine delle distanze che, quotidianamente, si creano tra individui che, pur volendosi bene, hanno smarrito la capacità di comunicare tra di loro.
La divisione (non ci è dato conoscerne l’origine e la cosa, dopotutto, non è funzionale al racconto) potrebbe essere scaturita da un’incomprensione, dalla mancanza di figli, dalla partenza o dalla morte degli stessi, da una malattia di uno dei coniugi, dalla routine, dalla stanchezza: non viene mostrata, perché i motivi di una tale cesura, dopo tanto amore, sarebbero pur sempre fatui.
L’immagine della casetta che vaga per il cielo rappresenta il limbo fittizio a cui i due hanno aderito per quieto vivere; l’atterraggio della villetta, seppur non in maniera letterale, rappresenta il ritorno alla realtà, la presa di coscienza del fatto che ciò che è stato, tra i due, può continuare ad essere in maniera diversa.
Il compromesso escogitato della donna, poetico ma pratico, è una dolce conclusione.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.