Recensione su Gioco di donna

/ 20046.653 voti

Non è un film che ha cambiato la storia del cinema ma… / 9 Febbraio 2012 in Gioco di donna

Questo non è un film che ha cambiato la storia del cinema. Non è geniale o quant’altro ma l’intreccio, i personaggi e i costumi ne fanno un’avvicente storia di sentimenti e passioni umane -amore, amicizia, odio, perversione- reale e appassionata, in cui lo sfondo della Seconda Guerra Mondiale non fa altro che acuire il senso di ineluttabilità del destino a cui i tre personaggi vanno incontro. Da una parte c’è la meravigliosa ed esuberante Gilda (Charlize Theron), che non ha peli sulla lingua nè remore morali; dall’altra ci sono Guy e Mia, caratterizzati da un animo più altruista. L’unica cosa che accomuna questi tre personaggi, diversi per carattere, nazionalità e storia, è l’amore che essi provano l’uno per l’altro e che in un certo senso li salverà da qualsiasi destino, anche il più crudele. Insomma, un elogio all’amore con la a maiuscola, senza distinzioni di sesso, all’interno di un periodo storico tormentato come quello dei primi 50 anni del ‘900: direi ottimi ingredienti per una piacevole storia drammatica ma allo stesso tempo romantica, edificante e disarmante. La bellezza delle due attrici e i costumi accuratamente selezionati, soprattutto per quanto riguarda le scene di vita a Parigi, rendono ancora più piacevole questo film.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext