Alta tensione

/ 20036.483 voti
Alta tensione

Alex e Marie, due studentesse francesi, si recano a trascorrere qualche giorno nella fattoria di famiglia della prima per godere della tranquillità del posto e concentrarsi meglio sullo studio. La notte stessa del loro arrivo l'isolato casolare diviene teatro di una spietata carneficina posta in essere da un misterioso psicopatico che sembra averle seguite.
icarus ha scritto questa trama

Titolo Originale: Haute tension
Attori principali: Cécile de FranceCécile de FranceMaïwennMaïwennPhilippe NahonPhilippe NahonAndrei FințiAndrei FințiOana PelleaOana PelleaFranck Khalfoun, Marco Claudiu Pascu

Regia: Alexandre AjaAlexandre Aja
Sceneggiatura/Autore: Grégory Levasseur, Alexandre Aja
Colonna sonora: François-Eudes Chanfrault
Fotografia: Maxime Alexandre
Produttore: Robert Benmussa, Alexandre Arcady
Produzione: Francia
Genere: Horror
Durata: 91 minuti

Dove vedere in streaming Alta tensione

“Non permettero’ a nessuno di intromettersi tra noi” / 12 Gennaio 2020 in Alta tensione

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Se questo film viene considerato dai cultori la chicca del genere horror lasciatemelo dire ragazzi miei stiamo messo proprio male, per me è solo una raffazzonata ricopiatura di vari film che cito:

“Quel motel vicino alla palude” di Tobe Hopper
“Maniac” di William Lustig
“Body bags” di John Carpenter
“La casa” di Sam Raimi
“Halloween” di John Carpenter
“Duel” di Steven Spielberg
“L’ultima casa a sinistra” di Wes Craven
“Non aprite quella porta” di Tobe Hopper

Il finale è stato poi ripreso in seguito da:

John Polson in “Nascosto nel buio”
David Koepp in “Secret Window”

Proprio il finale ha diviso maggiormente l’opinione pubblica, io l’ho trovato prevedibile (avevo intuito come sarebbe andato a finire già verso metà film) e come ho scritto sopra appunto stra-visto.
Aya ha voluto stupire il suo spettatore mettendo in scena nel finale un improbale tema della doppia personalità, una ragazza omosessuale repressa che non potendo avere l’amore della sua migliore amica immagina un uomo misogino che sevizia e uccide le donne per soddisfare la sua perversa sessualità.
Come ribadisco per me non è altro che una totale citazione del cinema slasher anni ’80, lontano dall’essere uno dei migliori (“Scream”, tanto per citarne uno, è di parecchio superiore).

P.s. il pompino con la testa mozzata potevano pure risparmiarselo.

Leggi tutto

Finale da brividi / 16 Marzo 2015 in Alta tensione

Un buon filma, ma merita un 10 pieno anche solo per il finale… e non mi riferisco soltanto al colpo di scena finale, ma proprio agli ultimi momenti del film

L’horror del futuahahhahahahha / 8 Marzo 2015 in Alta tensione

Vedo spesso Alexandre Aja etichettato come la speranza e uno dei registi più talentuosi dell’horror moderno.Ecco no.
Il film ricalca i classici slasher deigli anni 70 che vuole omaggiare inizialmente,trama quasi assente,solo un tizio che si presenta davanti a una casa di campagna e inizia a massacrare tutti.Splater gratuitissimo che negli anni 2000 non significa niente,se fare un film del genere 40 anni fa poteva essere apprezzabile per il coraggio di portare sullo schermo una certa dose di violenza oggi non ha nessuna ragione a suo pro.Ma il problema non è che è uno splatter gratuito e vuoto,di questo chi se ne frega la cosa non lo rende certo il male assoluto,il problema sta nel finale,un colpo di scena talmente assurdo da rendere il film da bruttino e basta a una delle cose più insulse che mi sia capitato di vedere,un colpo di scena che fa diventare insensato tutto ciò che lo aveva preceduto e quando dico insensato intendo insensato sul serio.Non c’è niente da capire,non è interpretabile e non si giustifica.In fase di scrittura del film non hanno pensato che il finale a sorpresa mandasse in vacca tutto.Non ci hanno pensato.Non credo esistano molti registi e sceneggiatori che possono vantare di aver mandato COMPLETAMENTE a puttane un film con un unico colpo di scena,qui ci sono riusciti,

Leggi tutto

12 Gennaio 2012 in Alta tensione

Discreto thriller/horror con diversi elementi splatter…
La trama non è molto originale, ricorda molto Intensity (il libro di Koontz) ambientato in campagna. Le due protagoniste non mi sono risultate molto simpatiche e quindi anche la tensione suggerita nel titolo non sale mai troppo…
Alcuni tocchi macabri ricordano un pò lo stile di Dario Argento; i dubbi che vengono ogni tanto sono fugati da qualche particolare (es: Marie che non sente assolutamente nulla, perchè ha i tappi nelle orecchie…).
Bella la scena di inseguimento nel bosco.
Il finale sorprende ma lascia qualche lacuna di troppo…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.