Recensione su Harry Potter e la camera dei segreti

/ 20027.31033 voti

!!! GO HARRY GO!!! / 18 Aprile 2013 in Harry Potter e la camera dei segreti

A un anno di distanza dal primo capitolo, Chris Columbus torna al cinema con il successivo episodio della saga campione di incassi e notorietà, scritta dall’inglese J. K. Rowling: Harry Potter e la camera dei segreti.

In un contesto molto meno infantile e dai toni decisamente gotici si sviluppa la nuova tenebrosa storia che vede protagonista il piccolo mago, ormai sfuggito dallo stupore beota che lo vittimizzava nel capitolo precedente.

Daniel Radcliffe è cresciuto e con esso le sue qualità di attore.
Ma così come il resto del cast, rigorosamente Made in UK, anche per le new entry, come il nuovo professore contro Difesa delle Arti Oscure, ruolo affidato all’ottimo Kenneth Branagh, visto in Enrico V o Hamlet.

La computer grafica è ragionevolmente onnipresente e restituisce in pieno la magia della carta stampata, sostenuta da una trama molto più ricca ed inquietante rispetto al prequel e da una colonna sonora che passerà alla storia, non solo per il theme principale.

Nel solito contesto di magie, pozioni e sortilegi, si approfondiscono i personaggi principali, inizialmente solo accennati, che contribuiscono a creare lo charme sanguinario di questo film, più maturo e meno fiabesco del precedente, anche se il target a cui si rivolge (nonostante la trasversalità) è prettamente un pubblico di minori.

Se si buttano giù le menate dell’eroismo scontato e i troppi ‘grazie, ti devo la vita’, anche questo Harry Potter non riuscirà a deludere.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext