?>Recensione | Habemus Papam | Senza titolo

Recensione su Habemus Papam

/ 20117.0389 voti

28 settembre 2011

C’ho pensato un paio di giorni prima di assegnare un voto a questo film – che tralatro è il primo di Moretti che guardo.
Ancora adesso sono un pò indeciso, quindi parto dagli aspetti che non mi sono piaciuti. Innanzitutto Moretti. Ha una parte ridicola, completamente inutile ai fini della trama e ininfluente sul protagonista che, invece, dovrebbe aiutare. Inoltre, la sua recitazione è pessima.
Detto questo, ho trovato decisamente ridondante la parte dedicata alla partita di pallavolo, con il collegio cardinalizio ridotto ad un branco di vecchietti da osteria che, nel momento più cupo della loro storia, non trovano di meglio da fare che perdere tempo a trasformare il vaticano in un campo da gioco, litigare come bambini, fare puzzle o pensare alle brioches. Una critica decisamente irrealistica e puerile, che toglie dignità ad una categoria che dovrebbe essere una sorta di simbolo. E, francamente, nessuno, in qualsivoglia contesto, con un briciolo di sale in zucca agirebbe nel modo descritto da Moretti dinnanzi ad una crisi di quella portata che lo riguardasse. L’ho trovato un pò iperbolico.
Più accettabile, sebbene ai limiti del parossismo, la critica ai giornalisti scandalistici, descritti come imprecisi e senza spessore.
Ciò che, invece, mi è piaciuto è stata la tenerezza con cui viene descritto il papa di Michel Piccoli (interpretazione maiuscola), un uomo di fede, umile e soverchiato da un peso più grande di lui. E’ umano avere dei dubbi e delle paure e ragionare ed ammettere le proprie mancanze di fronte ad un ruolo così complesso e impegnativo, in un momento storico tanto delicato, non è peccato. Un pò disturbante e pessimistico nel finale.
Nel complesso, quindi, gli intenti sono buoni, ma Moretti non era, a mio avviso, la persona giusta per un’opera come questa. Non è irrispettoso e neppure politico, ma non brilla e toglie tempo e possibilità di sviluppo al tema principale, ovvero le insicurezze dell’uomo prima che del papa, per fare della facile ironia con i cardinali e guardie svizzere.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext