6 Recensioni su

I fantastici viaggi di Gulliver

/ 20105.3179 voti

Che dire… / 27 Settembre 2016 in I fantastici viaggi di Gulliver

La storia la sapete tutti benissimo…
Il tentativo di riportare questa trama nel 21° secolo è quanto mai inutile e fatta male.
Lui è innegabilmente bravo e divertente ma…
La domanda è scontata: perché vedere questo film?
La risposta lo è ancora di più scontata: INFATTI… PERCHE’ VEDERLO!!!
Ad maiora!

12 Settembre 2012 in I fantastici viaggi di Gulliver

Film molto divertente. Black e uno dei miei attori preferiti. E trovo che sia sempre fantastico.

28 Maggio 2012 in I fantastici viaggi di Gulliver

Uno dei peggiori film che abbia mai visto! Noiosissimo, stupido e dal doppiaggio scadente.

Che barba ! / 4 Aprile 2012 in I fantastici viaggi di Gulliver

Non vedevo l’ora che finisse !!

6 Aprile 2011 in I fantastici viaggi di Gulliver

Basato vagamente sul romanzo di Jonathan Swift, il film poteva anche intitolarsi i Fantastici viaggi di Jack Black perchè è improntato soprattutto sulla verve del protagonista.
All’inizio è un “postino” di un giornale (consegna la posta ai redattori), innamorato di una capo-redattrice (Amanda Peet) a cui non riesce a dichiararsi. Così fingendo di essere un esperto viaggiatore (citando viaggi fatti da Jack Black: Nuova Zelanda x King Kong, Messico x SuperNacho) viene mandato al Triangolo delle Bermuda e da lì finirà nel mondo di Lilliput.
Le scene più divertenti nel mondo dei lillipuziani sono quelle che si sono già viste nel trailer ovvero lo spegnimento di un incendio sfruttando mezzi propri ;-), il gioco GuitarHero fatto con i piccoli abitanti nei panni dei Kiss, le esagerazioni di Gulliver nel raccontare il proprio mondo (con incursioni di Star Wars e altri film).
La principessa Emily Blunt all’inizio è un pò demenziale (scena del tentato rapimento da parte dei Blefuscu) ma cresce pian piano; Amanda Peet riesce ad essere affascinante e divertente come al solito.
Jack Black domina la scena con tutta la sua verve; qualche volta esagera un pò, il suo ego cresce fino a diventare ingombrante e solo alla fine si rende conto che la statura non è tutto (autoriferimento?) ma conta l’animo di una persona. Il film anche se risulta carino, poteva riuscire meglio. Ci si sofferma soprattutto su Lilliput, con una breve incursione nell’isola vicino dove si troverà una bambina gigante (divertenti le scene nella casa delle bambole).
Ottima colonna sonora (oltre ai Kiss anche i Guns and Roses e altro rock rispecchiando i gusti musicali di Jack Black), invece il 3d aggiunto in post-produzione non aggiunge nulla al film.

Leggi tutto

The Jack Black show / 20 Febbraio 2011 in I fantastici viaggi di Gulliver

A me Jack Black che per 85 minuti canta, fa balletti, cita film, video giochi e serie televisive a destra e a manca (uno dei sceneggiatori è quello dei primi due Shrek), indossa roba buffa e fa finta di essere un componente di una air band diverte un casino. Forse però, mi rendo conto, sarebbe più opportuno scambiarci i numeri di telefono e vederci qualche sera per bere un paio di birre e giocare con la playstation. Se non altro si risparmierebbero (o investirebbero in birra, per l’appunto) tutti quei soldi che sono stati spesi per la produzione di questo inutile adattamento di “I Viaggi di Gulliver”. Scordatevi Jonathan Swift, scordatevi anche un’altra trama credibile, magari scordatevi anche un po’ di ritmo narrativo e di buon gusto. C’è da chiedersi cosa ne sarebbe stato di questo film senza la fisicità di Jack Black. Che poi nel loro esasperare i personaggi in caricature, secondo me, i vari Jason Segel (Horatio), Emily Blunt (Principessa Mary) e Chris O’Dowd (Generale Edoardo) sono anche stati bravi. Devo richiamare Jack e dirgli di portare anche loro questa sera…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.