2018

Green Book

/ 20187.8208 voti
Green Book
Green Book

New York, 1962. Tony Vallelonga, italoamericano, lavora come buttafuori in un locale. Rimasto senza impiego, l'uomo accetta di scarrozzare per gli Stati Uniti il pianista Don Shirley, impegnato in una tournée. Shirley ha la pelle nera e il suo tour prevede che alcune tappe si svolgano nel profondo Sud, dove vige ancora la segregazione razziale.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Green Book
Attori principali: Viggo MortensenMahershala AliLinda CardelliniDimiter D. MarinovMike HattonIqbal Theba, Sebastian Maniscalco, Von Lewis, P. J. Byrne, Montrel Miller, Tom Virtue, Don Stark, Brian Stepanek, Dennis W. Hall, Randal Gonzalez, Maggie Nixon, Brian Distance, Don DiPetta, Frank Vallelonga, Nick Vallelonga, Suehyla El-Attar, Jenna Laurenzo, Johnny Williams, Joe Cortese, David Kallaway, Paul Sloan, Anthony Mangano, David An, Ninja N. Devoe, Jim Klock, Daniel Greene, Martin Bats Bradford, Tracy Brotherton, William E. Harris, Geraldine Singer, Rebecca Chulew, Emily LaGroue, Ricky Muse, Leslie Castay, Jon Michael Davis, Harrison Stone, Gralen Bryant Banks, Brett Beoubay, Quinn Duffy, Mike Young, Kenneth Israel, Brian Hayes Currie, Jeffrey Klemmer, Kate Kuen, Elton LeBlanc, Craig DiFrancia, Cynthia LeBlanc, Shane Partlow, Jared Drennan
Regia: Peter Farrelly
Sceneggiatura/Autore: Nick Vallelonga, Brian Hayes Currie, Peter Farrelly
Colonna sonora: Kris Bowers
Fotografia: Sean Porter
Costumi: Betsy Heimann
Produttore: Jim Burke, Charles B. Wessler, Brian Hayes Currie, Peter Farrelly, Nick Vallelonga, Steven Farneth, Jonathan King, Kwame Parker, John Sloss, Octavia Spencer
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia, Azione, Biografico, Biografico
Durata: 130 minuti

Voto 8,5 / 23 Giugno 2019 in Green Book

Fatemi un favore… Non perdetevi questo film!

Contrasti / 15 Giugno 2019 in Green Book

Un film gradevole, giocato tutto sui contrasti: bianco e nero, ignoranza e raffinatezza, cortesia di facciata e intimo pregiudizio, onestà e brutalità, flessibilità di fronte alle offese e difesa intransigente della propria dignità. Peccato per un finale che spinge appena un po’ troppo sulla commozione, e soprattutto per gli interpreti – non trattenuti o peggio incoraggiati dal regista – che scivolano troppo spesso nel macchiettismo: soprattutto Mortensen, che esagera nella mimica facciale e nella gestualità; ma anche Ali eccede talvolta in affettazione, quando deve rendere la schifiltosità del suo personaggio. Qualche trovata è collaudatissima, come la telefonata che non ti aspetti e che mette tutti sugli attenti. Indimenticabile tuttavia la scena dell’auto ferma in mezzo a una strada di campagna, con i braccianti che alzano lo sguardo e si rendono conto che un nero come loro ha un’auto di lusso e un autista bianco.
Piccola curiosità: nel sonoro originale Mahershala Ali parla un italiano nettamente migliore di Mortensen e di altri attori che interpretano italo-americani.

Leggi tutto

IL mondo è pieno di gente sola che ha paura a fare il primo passo / 4 Marzo 2019 in Green Book

Il Green Book era una guida pubblicata dal 1936 al 1966 negli Stati Uniti e in cui si potevano trovare tutti i luoghi e i servizi in cui, in anni bui di razzismo e violenza, gli afroamericani erano accettati e accolti.
Green Book è tratto da una storia vera dove il razzismo, anche se stava muovendo i primi passi verso la decenza, ancora aveva delle incoerenze pazzesche.
E questo film le evidenzia con grande maestria e sagacia. Una storia che, anche se alla fine potrà risultare ovvia, darà grandi emozioni.
Bravissimi gli interpreti, nessuno escluso.
“Per cambiare i cuori delle persone ci vuole coraggio”, il coraggio per essere vivi che troppi non hanno purtroppo.
Ad maiora!

Leggi tutto

bellissimo film / 26 Febbraio 2019 in Green Book

Bellissimo film. Emozionante dall’inizio alla fine. Però non sembrerebbe tratto da una storia vera, come dicono sia, in quanto mi appare davvero inconcepibile pensare ad un tour di un pianista di colore negli stati del sud dove, al tempo dell’ambientazione filmica, rifiutano la sua presenza gli stessi gestori del ristorante che l’hanno chiamato a tenere un concerto, e non gli fanno usare la toilette, causando ritardi e problemi. Cercherò di documentarmi meglio, anche se credo che nel fare un film l’aderenza alla realtà sia molto relativa.

Leggi tutto

Buon buddy movie a cui piace vincere facile / 5 Febbraio 2019 in Green Book

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

(Sei stelline e mezza)

Green Book è il secondo film “da solista” di Peter Farrelly, metà della coppia dei Fratelli Farrelly (l’altro è Bobby), autori di commedie come Tutti pazzi per Mary (1998) e Amore a prima svista (2001). Dal suo passaggio al Toronto Film Festival 2018, dove ha vinto il premio del pubblico, il film di Farrelly ha raccolto molti riconoscimenti, fra cui 3 Golden Globe (miglior film commedia, miglior sceneggiatura, miglior attore non protagonista – Mahershala Ali) e 5 nomination agli Oscar 2019.

Ispirato a una storia vera e co-sceneggiato da Farrelly insieme a Nick Vallelonga, figlio di uno dei protagonisti della vicenda accaduta sul finire del 1962, Green Book è una gradevole storia on the road che, sullo sfondo dell’America segregazionista, gioca a colpo sicuro sul leitmotiv del buddy movie con personaggi che partono dagli antipodi per incontrarsi felicemente a metà strada.
Green Book è un film edificante, rassicurante, divertente, empatico, adatto a un pubblico amplissimo, recitato da due attori, Viggo Mortensen (appositamente imbolsito) e Ali, in gran forma, con una bella ricostruzione d’ambiente e una sceneggiatura a prova di bomba, con situazioni calibratissime e personaggi e dialoghi ben costruiti e accattivanti.
Come non amare dopo due minuti di film il Tony Lip di Mortensen, italoamericano ignorante come una scarpa ma con “un cuore grande così” (cit.)?

Purtroppo, il film non incontra del tutto i miei favori per via della sua linearità: è costruito per blocchi (presentazione dell’antieroe, incontro/scontro fra i due poli opposti, meraviglia dell’uno nei confronti dell’altro, tutto fila liscio fino a un confronto drammatico ma chiarificatore, evento destabilizzante che celebra la definitiva intesa fra i protagonisti, happy ending) e l’evoluzione dei fatti, per quanto fedele alla realtà (e, perciò, hurrà, dato che le cose sono finite bene), è estremamente prevedibile.
Una mia compagna di poltrona, comunque ben più entusiasta di me del film (che, pure, mi è piaciuto!), alla fine della proiezione mi ha detto: “Pensavo che, da un momento all’altro, sarebbe successo qualcosa di brutto e irreparabile. Invece, per fortuna, no!”. Ecco: anch’io speravo che succedesse qualcosa del genere, giusto per dare un quid a un film molto convenzionale, al di là dei pregi enunciati in precedenza. Dal punto di vista cronologico e contenutistico, siamo nel solco di film recenti come The Help o Il diritto di contare: sono racconti che l’America si regala periodicamente per mettere a tacere la propria coscienza e con i quali anche noi, dall’altra parte dell’Oceano, proviamo a sentirci meglio, con i quali proviamo a dirci: “Io non sono come quel razzista del Tennessee!”.

Green Book è un film che, a suo modo, dà speranza, cosa di cui tutti abbiamo sempre bisogno, e che intrattiene piacevolmente per due ore e dieci minuti, trasmettendo messaggi solo apparentemente semplici,ma sicuramente costruttivi. Niente di più (ma a chi è meno cinico e cuordipietra di me può bastare, ci mancherebbe).

Leggi tutto