Recensione su Genesis

/ 20046.33 voti

Quell’inconfondibile sapore delle Origini / 3 Dicembre 2011 in Genesis

Diciamolo subito: Genesis non ha lo stesso fascino e lo stesso carattere sorprendente di Microcosmos, ma la mano è decisamente la stessa, con una non diminuita bravura nel trattare immagini e musica “documentarie” facendone un quasi-film p.d.
Il senso delle origini certamente emerge, ma ancora una volta la maestria di questi autori si rileva a mio parere nella grande sensibilità per le forme. Il montaggio di questo flusso di immagini, perfettamente accordate tra loro, scorre in una sequenza che diventa, per forza, narrativa (discostandosi dal documentario naturalistico più classico). Inoltre, la magistrale scelta di suoni, rumori e musica, che combacia punto a punto con il visivo, completa questa assoluta sensazione di “storia” e lascia stupefatti, davanti a pellicola che trasuda armonia ed evocatività.
Per chi ama l’incantamento stimolato da immagini e musica, per chi ama la natura per quella che è, e per chi ama le origini

P.s.
Sigh! Sigh!
Non so come trasferire a parole la bellezza discreta di questo vecchio africano [il film è girato in Madagascar, ma sospetto che appartenga a una tribù del ceppo Bambara-Mande (Africa occidentale)], e soprattutto quella potenza straordinaria che emana da parole semplici che sembrano tuttavia “aver conosciuto tutto” – ma avendo vissuto laggiù su questo sono troppo facilmente “seducibile” e certamente di parte :-)]

Lascia un commento

jfb_p_buttontext