Recensione su Game Therapy

/ 20153.238 voti

Vetrina di notorietà, potenziali sprecati. / 15 Maggio 2016 in Game Therapy

Il film sembra effettivamente dalla trama accattivante: un ragazzo che, stufo di vivere nella realtà in cui vive, trova il modo di vivere nel suo mondo preferito, i videogiochi. Detto così il film potrebbe essere assai interessante sotto l’aspetto della storia. Peccato che il film sia stato “venduto” (non trovo termini adatti per dirlo) prima ancora dell’uscita con l’idea di mettere dei volti di noti youtubber nei panni dei protagonisti. Molti fan accaniti sicuramente avranno apprezzato vedere i loro beniamini sul grande schermo (in particolare per i giovanissimi, il noto FaviJ) e non avranno sicuramente badato ai dettagli professionali che richiede un film. La produzione ha puntato moltissimo su un incasso sicuro mettendo dei veri e propri vip del web, ed è innegabile che ormai la maggior parte della gente segue più assiduamente internet anziché il cinema e la tv. Ma qui ci troviamo di fronte ad un lavoro che POTEVA (non lo è, ma poteva) essere interessante, ma l’inesperienza degli interpreti principali ha fatto crollare questa possibilità. inquadrature, musiche ed effetti speciali non hanno nulla di sbagliato. Ma non si può ignorare il difetto che i protagonisti non sono preparati. Non hanno una preparazione adeguata a livello recitativo, ma essedo al centro del film, non si possono ignorare e molti stroncano il film soprattutto per questo. Anche la scelta del ruolo di clapis, che dovrebbe interpretare un ragazzino del liceo risulta troppo forzata data l’evidente età non proprio da liceale. Questa esposizione di web-vip influisce molto sul film e sulla critica: questo non è un film, ma IL film delle Web-Star dei videogiochi. Non do un voto bassissimo come hanno fatto molti, ma solo per questa cattiva scelta su interpreti palesemente noti gli tolgo 5 stelle. Non metto il croce gli youtubber, ma la produzione. Sicuramente si saranno divertiti nella realizzazione di questo film che ha fatto molto parlare di loro. Ma invito a riflettere a chi grida all’abominio sotto ogni aspetto di non considerare il difetto più grande (gli interpreti GIUSTAMENTE inesperti perché scelti da una produzione che contava solo i loro numeri di visualizzazioni) come l’essenza del film totale. Bisogna notare ANCHE la qualità delle scenografie, le inquadrature e la storia. Vi lascio una domanda: SE venissero sostituiti SOLO gli interpreti scelti perché noti con degli interpreti sconosciuti ma professionisti, e avessero mantenuto il resto (storia, scene ecc.) sarebbe stato lo stesso flop? o forse ci saremmo più immedesimati nella trama del film, anziché star li a dire “ma quel favij come diavolo recita!?” o “ma quello dovrebbe essere un liceale?!”

Lascia un commento

jfb_p_buttontext