2000

Frequency - Il futuro è in ascolto

/ 20007.0110 voti
Frequency - Il futuro è in ascolto
Frequency - Il futuro è in ascolto

John Sullivan, ispettore di polizia, è ancora ossessionato dalla morte di suo padre, avvenuta nel 1969, durante uno spettacolare incendio. Nel corso di una notte illuminata dall'aurora boreale, tuoni e fulmini particolarmente carichi di elettricità, John sente la voce di un uomo attraverso una vecchia radio. Sconvolto, egli riconosce il padre: oltre la morte e il tempo, i due uomini parlano. Ma qualsiasi miracolo ha un prezzo: la sequenza temporale degli eventi sta per essere modificata, e padre e figlio, ognuno nella sua dimensione affrontano una strana ondata di omicidi.
Andrea ha scritto questa trama

Titolo Originale: Frequency
Attori principali: Dennis QuaidJim CaviezelAndre BraugherElizabeth MitchellNoah EmmerichShawn Doyle, Jordan Bridges, Melissa Errico, Michael Cera, Daniel Henson, Stephen Joffe, Jack McCormack, Peter MacNeill, Marin Hinkle, Richard Sali, Nesbitt Blaisdell, Joan Heney, Jessica Meyer, Kirsten Bishop, Rocco Sisto
Regia: Gregory Hoblit
Sceneggiatura/Autore: Toby Emmerich
Colonna sonora: Michael Kamen
Fotografia: Alar Kivilo
Costumi: Elisabetta Beraldo, Cori Burchell, Andreas Schulz, Donna Maloney
Produttore: Bill Carraro, Hawk Koch, Toby Emmerich, Gregory Hoblit, Robert Shaye, Richard Saperstein, Janis Rothbard Chaskin
Produzione: Usa
Genere: Azione, Drammatico, Poliziesco, Fantascienza
Durata: 118 minuti

12 Febbraio 2015 in Frequency - Il futuro è in ascolto

Thriller puro, trama originale anche se non mancano quei cliche dei film americani.
Da vedere.

Il sogno / 30 Luglio 2014 in Frequency - Il futuro è in ascolto

di poter modificare il corso degli eventi interagendo con il passato … sarebbe bello forse ma farebbe perdere significato al mistero della vita. Comunque un buon film … che non cade quasi mai nel banale e nell’assurdo per storie di questo genere. Poi gli americani non sanno resistere al lieto fine …. più o meno come le fiabe dei nostri nonni

18 Febbraio 2011 in Frequency - Il futuro è in ascolto

Grande film, emozionante.
Non ha senso discutere se il susseguirsi degli avvenimenti segua una qualche logica o se invece cada in paradossi temporali, perché il tempo è invenzione umana, non esiste. Non si può pretendere di conoscerne le regole.

A grandi linee la trama è questa.
New York 1969, il pompiere Frank Sullivan (Dennis Quaid) dimostra di essere un grande eroe, che in maniera sconsiderata mette in pericolo la sua vita per salvare quelle degli altri. A casa è un fan accanito dei Mets, un marito fortunato e il padre orgoglioso del piccolo John (il suo grande capo).
Per motivi sconosciuti, con l’avvento dell’aurora boreale l’attività magnetica terrestre è più forte del solito e Frank, radioamatore, si rende conto di poter parlare con persone molto lontane.
Di colpo è il 1999. Dopo 30 anni vengono ristabilite le stesse condizioni fisico-ambientali.
Il 36enne John (James Caviezel), diventato poliziotto alla omicidi, per caso ritrova la radio di suo padre e si mette a parlare con un radioamatore fan dei Mets. Quello che è strano, è che quest’ultimo parla di partite del ’69 come se ancora dovessero essere giocate. I due si lasciano, la telecamera inquadra l’uomo… è Frank.
Frank è incuriosito dalla nuova conoscenza e tenta di mettersi di nuovo in contatto con lui. Dopo qualche equivoco e incredulità generale, John capisce che sta parlando col padre morto in servizio e vuole provare a salvargli la vita.
Ma qualcosa va storto: il serial killer delle infermiere, che avrebbe dovuto fermarsi nel ’69, ha continuato a uccidere…

Il film è davvero bello, ma la scena che preferisco è quella in cui Frank lancia un filo elettrico sul caffè (chi ha visto sa perché). Quella calma, quella fredda determinazione, quella forza. Sorrideva!

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.