Frank

/ 20147.2179 voti
Frank

Frank è un musicista con un vezzo decisamente originale: egli, infatti, indossa una testa di cartapesta che non toglie mai.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Frank
Attori principali: Michael FassbenderMaggie GyllenhaalDomhnall GleesonScoot McNairyHayley DerryberryFrançois Civil, Tess Harper, Bruce McIntosh, Paul Butterworth, Moira Brooker, Phil Kingston, Mark Huberman
Regia: Lenny Abrahamson
Sceneggiatura/Autore: Jon Ronson, Peter Straughan
Colonna sonora: Stephen Rennicks
Fotografia: James Mather
Costumi: Suzie Harman
Produttore: David Barron, Andrew Lowe, Ed Guiney, Stevie Lee
Produzione: Irlanda, Gran Bretagna
Genere: Drammatico, Commedia, Musica
Durata: 95 minuti

Strano, ma interessante / 19 Settembre 2016 in Frank

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Devo essere sincero, il film mi è piaciuto, ma non sono ancora certo di quello che ho visto, o meglio, non ne sono più sicuro dopo aver letto varie recensioni in giro per la rete!
Io, molto semplicemente, ho visto la storia di un ragazzo, Jon (Domhnall Gleeson), deciso a voler scrivere musica (ma non ne è capace), che per una pura casualità si ritrova ad essere il tastierista di una band “strampalata”. La band è composta da alcuni personaggi le cui vite girano attorno a quella del loro leader, Frank (un grande Michael Fassbender). Frank è l’anima del gruppo, il talentuoso compositore, ma Frank ha chiaramente un problema, indossa una maschera di cartapesta, sul palco e fuori (anche sotto la doccia). Jon vede in lui il mezzo per raggiungere il successo (non è chiaro da subito) e cerca di farselo amico. Gli altri componenti del gruppo, in particolare Clara (Maggie Gyllenhaal), capiscono l’intento di Jon e cercano di dissuaderlo, di allontanarlo da Frank; al gruppo non interessa il successo, ma solo il loro strano rapporto con Frank, che tra l’altro non hanno mai visto in faccia. Jon in qualche modo riesce nel suo intento, perché in fondo Frank è un debole, si lascia incantare dal successo, dal numero dei possibili spettatori. Solo alla fine Jon si rende conto che non può e non deve stravolgere il mondo di Frank; non può rompere quella bolla dentro la quale Frank riesce ad essere quello che forse non è o non riesce ad essere, perché nel mondo esterno gli mancherebbe la protezione di Clara e gli altri.
Pur con la maschera, Fassbender riesce a dare personalità e carattere al personaggio. Intensa la scena finale, quando il gruppo riconosce Frank.
Un film sicuramente strano, sicuramente aperto a varie interpretazioni.
Lo consiglierei? Non so, dopo averlo fatto vedere a mia moglie, mi ha costretto a guardare Belle e Sebastien, e relativo sequel 🙂

Leggi tutto

L’invidia del disagio mentale / 16 Maggio 2015 in Frank

Tema attualissimo, anzi forse nato negli ultimi tempi, chissà. Ancora non documentato, o almeno… non ne ho mai sentito parlare… eppure è un fenomeno così diffuso. Quest’idea generalizzata che per essere interessanti si debba soffrire di una patologia mentale. Forse perché in parte la malattia ci fa sentire speciali e in parte è la scusa perfetta al nostro eventuale fallimento. Questo film porta in alto questa denuncia in maniera chiara e precisa. Eppure è divertente e assolutamente adorabile. Bel film, ci voleva! Non è un film evitabile, è un film che doveva esistere.

Leggi tutto

Uno dei migliori film del XXI secolo / 2 Aprile 2015 in Frank

Frank è il leader carismatico di una band alternativa inglese, i Soronpfrbs (vado a memoria), e indossa una testona di cartapesta, in scena e fuori. Nella sua band di disturbati mentali si imbatte un giorno un aspirante cantautore, Jon, e insieme andranno a isolarsi in un rifugio in Irlanda.
Visto con colpevole ritardo, perché “ma sì, staranno sicuramente esagerando con i complimenti”, “see… uno dei migliori film del XXI secolo… come no…”, “vabbè, poi me lo scarico”, e altre blasfemie di sorta.
Frank è una disarmante critica contro l’inflazione artistica, il sogno che diventa realtà se solo ci credi, l’accettazione popolare e il divismo facile via internet. Riscopre la sofferenza nel talento e lo fa con l’ironia malinconica della clownerie. Particolarmente lodevole la parte musicale che non viene ridotta a pretesto ma è curata e originale, come poteva essere possibile solo grazie a autori geniali come Lenny Abrahamson, i suoi sceneggiatori, e il compositore Stephen Rennicks.

Grande musica originale, umorismo, critica sociale, attori formidabili in ruoli unici. Insomma, un cult. E uno dei migliori film del XXI secolo.

Leggi tutto

La gabbia di matti (che in quanto tali, non permettono spiegazioni) / 4 Marzo 2015 in Frank

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ho trovato il film tutto sommato scorrevole, ma non per questo esente da difetti. A mio parere, per dirla in breve, si è sprecato un piccolissimo potenziale.
Accettando il compromesso che il tono di questa pellicola è volutamente spinto verso il surreale, questo film a conti fatti da l’aria di essere un grosso giro a vuoto, oltre ad avere la “colpa” di presentare una discreta galleria di personaggi che purtroppo vengono “bruciati” facilmente e che invece avrebbero meritato una maggiore caratterizzazione, regalando sicuramente un riscontro più positivo.
Tutto ruota attorno alla figura di Frank e a quella di Jon. Eppure, nonostante siano le personalità principali del film, la loro resa è perlopiù abbozzata. Non viene detto perchè Frank porti sempre quella maschera in testa e gli autori si limitano a giustificarlo con un fastidiosissimo “è malato di mente, da sempre”. Il risultato è che la parte di Fassbender si limita al semplice compitino, composto solo da una serie di movenze e basta (si salva giusto la parte finale, in cui l’attore riesce ad essere perfino toccante al momento della riunione della band). Di Jon invece possiamo dire davvero poco: è un personaggio che cerca il successo, è convinto che possa essere testato tramite l’approvazione sui social network, dovrebbe rappresentare l’unico normale del gruppo in una gabbia di matti, ma gli altri sembrano spesso rovesciarli questo concetto addosso. Anche gli altri personaggi si trovano o ridotti a macchiette, come Clara e Don (una brava Maggie Gyllenhall, il cui unico scopo nella pellicola però sembra quello di essere perennemente inca***** con il protagonista) o ridotti al nulla (Nana e Baraque, mi stavo anche scordando i nomi e ho dovuto rivederli su Wikipedia).
Insomma, si tratta di un film che poteva lasciare qualcosa, ma che forse pretende troppo da sé stesso e finisce quindi col perdersi in un bicchiere d’acqua.

Leggi tutto

Strano, ma bello… 7! / 26 Febbraio 2015 in Frank

Un film strano, senza dubbio. Parte così, in un modo quasi imbarazzante. Si colora man mano di personaggi e situazioni strane e modi di fare bizzarri eppure la storia di questa band ti prende. Poi, chi è Frank? Perchè ha quella testa di carta e non se la toglie mai? E il loro percorso, che oltre musicale sembra essere per un certo verso spirituale, porta avanti… Non so descrivervi altro, ma certo che questo film ha molte chiavi di lettura. Fassbender fantastico. Vedetelo, un bel 7.

Leggi tutto