?>Recensione | Fight Club | Ma in fondo Tyler ha ragione…

Recensione su Fight Club

/ 19998.11308 voti

Ma in fondo Tyler ha ragione… / 18 ottobre 2015 in Fight Club

Ho visto il film e ho letto il libro. Il film è sicuramente superiore al libro, grazie alla grandiosa sceneggiatura e al sempre bravo Eddy Norton (uomo da sposare 😉 ).
Le tematiche di Fight Club sono conturbanti.
Una la forte critica sul consumismo ci fa dubitare tutto ciò che, ora, noi uomini e donne del 3 millennio siamo.
La generazione trattata è anteriore quella mia;
sono i futuri padri del duemila che agiscono, però, i loro problemi rimangono gli stessi che noi abbiamo oggi. Un climax ascendente di tensione e violenza si propaga per tutto il film creando una voragine e il dubbio dello spettatore che sente che le motivazioni e le affermazioni di Durden/pitt hanno fondamento
La battuta in cui dice che le celebrità lo spaventano è emblematica. In effetti perché due come lui e il protagonista (ed Norton) devono sapere chi è Marta Stewart, (famosa arredatrice)?. Addirittura ora abbiamo le fashion blogger…
Invece di tornare indietro ci stiamo spingendo ancora oltre. Oggetti inutili (tipo l’iwatch)diventato il massimo desiderabile, ovviamente fino al prossimo modello. Oggetti usa e getta. Rapporti usa e getta. Siamo posseduti dalle cose che compriamo e immobili, come eddy norton, quando compriamo un divano, vediamo in lui ciò che noi siamo. In una continua esaltazione di noi stessi, un miglioramento solo apparente, come una continua masturbazione (parafrasando Tyler) celebrare. Allora cosa facciamo? nel vuoto più assoluto, se si ha una minima intelligenza o esplodi o implodi su te stesso e diciamo che Il protagonista (eddy norton) e Tyler Durden (brad Pitt) rappresentano questi due modi di reagire per uscire dallo stato alienato. Tyler è la spinta, “il diavoletto cattivo”, l’irrazionalità pura che prende il sopravvento. Credo sia questo il messaggio che fight club voglia lanciarci.Ovviamente il tutto è portato al caso limite con crescita esponenziale che ti fa sperare che almeno nella finzione il tutto crolli. Malattie mentali causate dal benessere e dal fatto di sentirsi impotenti in tutto questo, di essere solamente un altro uomo in fila per il nuovo oggetto imperdibile. Insomma questo film colpisce, o positivamente o negativamente e sicuramente fa pensare. Ultima cosa spero che non vi lasciate intimorire o esaltare dall’eccessivo macismo espediente strettamente necessario per raccontare i vari fatti e come unico mezzo per poter contare ancora qualcosa.

P.s. mi è piaciuto nonostante capa lo spoileri in kevin spacy -.-

11 commenti

  1. János Valuska / 18 ottobre 2015

    Non ostante.

  2. Alicia / 18 ottobre 2015

    non ho capito il tuo commento all’inizio ho pensato di aver scritto male nonostante

  3. Not Penny's boat / 18 ottobre 2015

    non ho capito nessuno dei due

  4. Alicia / 18 ottobre 2015

    pensavo che tu @elisa1996 avevi scritto male nonostante

  5. Not Penny's boat / 18 ottobre 2015

    ah ok

  6. Sean / 19 ottobre 2015

    “Il film è sicuramente superiore al libro “questa è una frase da capra ignorante.Ovviamente non critico la scelta ma il fatto che dirlo è una stupidità.Due arti diverse.

  7. Alicia / 19 ottobre 2015

    Senza dubbio cinema e letteratura sono due arti diverse, ma sono anche senza dubbio strettamente collegate. Il paragone tra le due è inevitabile quando un film è tratto da un libro. Sono due modi diversi di raccontare una storia, quale dei due è riuscito a raccontarla meglio?

  8. Not Penny's boat / 19 ottobre 2015

    Certo che @sean sei proprio frustrato è …
    Sono due cose diverse ovvio ma secondo me il messaggio è stato reso meglio nel film. Il libro è carino ma non un capolavoro il film . Ps sarai te ignorante ?

  9. Sean / 19 ottobre 2015

    @Alicia ti consiglio il libro se non lo hai letto,leggi anche altro di Palanhiuk (Survivor su tutti uno dei migliori scrittori contemporanei a me personalmente ricorda un po’ anche il grande Cèline).Non posso paragonare due arti diverse quindi inizierò con il film che adoro, non ti sparo la” pippa” tecnica perchè come vedi di pseudo esperti il mondo è pieno,Attori di altissimo rilievo,fotografia tra realtà ed sogno\incubo con la chicca del brano dei Pixies alla fine.Ora passiamo al concetto del film, si la critica al capitalismo,il consumismo,l inettitudine e bla bla ma parliamo della Rivoluzione e dell anarchia di questi due concetti estremi diversi ed eguali,la domana è Tu saresti pronto a rinunciare a tutto?Ora il caro signore qui sopra che mi ha dato dell ignorante sa Benissimo che nel libro il palazzo non esplode(vi è della paraffina questo espediente serve a farci capire che tutti dovremmo riflettere su cosa sia veramente la rivoluzione) invece nel film esplodendo da altre connotazione e diciamolo un messaggio di speranza che nel libro non vi è.Quindi essendo concettualmente diverso questo ipotetico messaggio come fa ad essere espresso meglio nel film?Bha

  10. Alicia / 20 ottobre 2015

    Appunto proprio perché mi incuriosiva molto il libro l’ ho letto. ed effettivamente il finale preferisco quello del libro. però bisogna ricordare che il cinema è la letteratura comunicano diversamente. Quel che conta è che il messaggio di fatto non cambi. Per me Fight Club rappresenta ciò che un solo uomo riesca a innescare senza poi riuscire a fermarlo. ciò che la società lo induce a fare catapultandolo a fare azioni irrefrenabili. Un concetto come questo nella letteratura viene espresso con questo finale in cui la bomba non esplode, ma la rivoluzione non si arresta. Un libro deve comunicare attraverso la suggestione. Il film invece comunica attraverso l’impatto visivo. E rimane meglio impressa l’esplosione come simbolo dell’inarrestabile meccanismo ormai innescato. A me sono piaciute tutte le scelte stilistiche, in particolare quest’ultima. Poi alla fine diventa una questione di gusti, perché preferisco rivedere il film piuttosto che rileggere il libro

  11. Not Penny's boat / 24 ottobre 2015

    @sean alicia ti ha spiegato ampiamente il suo punto di vista che è simile al mio

Lascia un commento

jfb_p_buttontext