February: L'innocenza del male

/ 20155.325 voti
February: L'innocenza del male

Rose e Kat frequentano lo stesso istituto femminile. In occasione delle vacanze invernali, le rispettive famiglia le avvisano che non saranno in grado di farle tornare a casa e orpitarle. Così, le due ragazzine restano da sole nell'istituto. Presto, Kat inizia a essere oppressa da visioni inquietanti e Rose non ha idea di come aiutare la compagna.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: The Blackcoat's Daughter
Attori principali: Emma RobertsEmma RobertsKiernan ShipkaKiernan ShipkaLucy BoyntonLucy BoyntonJames RemarJames RemarLauren HollyLauren HollyPeter J. Gray, Emma Holzer, Matthew Stefiuk, Greg Ellwand, Elana Krausz, Heather Tod Mitchell, Peter James Haworth, Rose Gagnon, Ronda Louis-Jeune, Cameron Preyde, Myranda Bingham, Jodi Larratt, Douglas Kidd, Tori Barban, Veronica Cormier, Hallie Green, Aileigh Karson, Ilish Karson, Stephen K. Donnelly, Trevor Goulet, Donna St-Jean, Megan Weckwerth, Katelyn Wells, Mostra tutti

Regia: Oz PerkinsOz Perkins
Sceneggiatura/Autore: Oz Perkins
Colonna sonora: Elvis Perkins
Fotografia: Julie Kirkwood
Costumi: Jennifer Stroud
Produttore: Bryan Bertino, Robert Menzies, Arianne Fraser, Rob Paris, Adrienne Biddle, Alphonse Ghossein, Kevin Matusow, Carissa Buffel
Produzione: Canada, Usa
Genere: Horror
Durata: 93 minuti

Dove vedere in streaming February: L'innocenza del male

Mmh… / 24 Marzo 2021 in February: L'innocenza del male

Sono abbastanza colpito da questa pellicola perchè poteva essere più horror di così, avendo una trama con molti buoni spunti.
La regia e la fotografia sono molto buoni eppure non decolla, vola basso tra qualche sporadica buona scena horror e molti dialoghi noiosi e piatti, a decine di minuti interi senza nulla che accadra alcunchè.
Peccato.
4/10.

FEBBRAIETTO CORTO E MALEDETTO / 20 Ottobre 2020 in February: L'innocenza del male

Talmente minimalista da essersi dimenticato di raccontare qualcosa. Tutto è plumbeo, tutto è tetro e alla fine della fiera guardare “February” è come vagare nella nebbia. La regia è pesante, la fotografia è pesante, la recitazione è severa, tutti si sforzano di caricare il film.

Siccome la trama non è poi tutto questo granché il regista Oz Perkins (figlio di quel Perkins) decide di emarginarla proprio. Non ho problemi a recepire narrazioni non lineari ma qui si costruisce un puzzle completamente grigio. Si tenta di ammantare d’intellettualità una storiella da poco.

Intanto avviso i naviganti. In Italia quando nel titolo viene aggiunto “…del male” vuol dire che il film è brutto.

Voto: 4,5

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.