2015

Fallen

/ 20154.748 voti
Fallen
Fallen

Dai romanzi di Lauren Kate. La vita tranquilla della diciassettenne Lucinda Price, detta Luce, cambia radicalmente quando la ragazza viene accusata di un crimine che non ha commesso e viene inviata in un riformatorio minorile. Qui, Luce viene subito corteggiata da due ragazzi con i quali sente di avere un profondo legame. Strane visioni iniziano a perseguitarla e Luce comincia a ricordare alcuni dettagli del suo passato, arrivando a scoprire la vera identità dei suoi spasimanti.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Fallen
Attori principali: Addison TimlinJeremy IrvineHarrison GilbertsonDaisy HeadLola KirkeHermione Corfield, Malachi Kirby, Sianoa Smit-McPhee, Joely Richardson, Juliet Aubrey, Elliot Levey, Matt Devere, David Schaal, Richard Ryan, Norma Kuhling, Leo Suter, Chris Ashby, Paul Slack, Auguszta Tóth, Rick Lipton
Regia: Scott Hicks
Sceneggiatura/Autore: Nichole Millard, Kathryn Price, Michael Arlen Ross
Fotografia: Alar Kivilo
Costumi: Bojana Nikitović, Zsofia Laczko
Produttore: Claudia Bluemhuber, Mark Ciardi, Gordon Gray, Jim Seibel, Kevan Van Thompson, Lauren Kate
Produzione: Ungheria, Usa
Genere: Drammatico, Thriller, Azione, Fantasy, Romantico
Genere:
Durata: 91 minuti

Non è davvero così male! / 10 Maggio 2018 in Fallen

Leggo recensioni che giudicano questo film di bassissimo livello. Personalmente credo ci siano alcune commedie italiane che sono ben peggiori, e recitate ancora peggio. Il voto che mi sento di dare è un 6, in quanto la trama è molto simile ad alcune altre novel affini. Ma per quanto riguarda il film in se non penso di dare un’insufficienza perché prima di guardarlo già sapevo cosa aspettarmi. Sono riusciti anche a mettere un finale aperto che possa lasciare spazio ad un sequel ( che non faranno mai a meno che non rimettano mani all’intera sceneggiatura della saga ).
Andiamo, vi sentite davvero in grado di giudicare così male un film del genere quando siete i primi a vedervi roba tipo ” italiano medio?! Seriously?
Il film non è uno dei top, ma non fa neanche così schifo. Se vi piace il genere può andare.

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 5.5 / 20 Febbraio 2018 in Fallen

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Ennesimo film tratto da una saga di libri teen scritti da Lauren Kate; però visto lo scarso successo della pellicola, difficilmente vedremo ulteriori capitoli e questa è una grossa limitazione.
Stavolta invece che vampiri vegetariani e licantropi, ci troviamo di fronte ad angeli caduti, anche se il tono è simile e anche qui c’è un triangolo amoroso.
Lucinda “Luce” Price (la bella Addison Timlin ammirata in qualche episodio di Californication) è una diciassettenne problematica tormentata da alcune visioni; dopo un incendio in cui perde la vita il suo ragazzo, Luce viene rinchiusa dai genitori in una casa correttiva (simile a un riformatorio) “Sword & Cross”.
Qua incontra due ragazzi: Daniel (Jeremy Irvine), che le risveglia ricordi sopiti e di cui si invaghisce, e Cam che invece la corteggia e di questo ne trae piacere. Intanto stringe amicizia con Penn (Lola Kirke).
I problemi adolescenziali si uniscono a un po’ di fantasy; infatti dopo la ribellione di Lucifero e degli Angeli contro Dio, alcuni di loro sono caduti sulla Terra e lì esiliati e quasi condannati a non amare. Si attende a lungo prima che a Luce venga rivelata la verità e appena le cose si fanno abbastanza interessanti, il film si conclude lasciando l’amaro in bocca.
Non basta la bella Addison Timlin per salvare il film dall’insufficienza, anche perchè dubito vedremo i film successivi.
Nel resto del cast da citare Joely Richardson nei panni della misteriosa insegnante Sophia Bliss.

Leggi tutto

Ma. / 12 Febbraio 2018 in Fallen

Vedere il film dieci anni dopo aver letto la saga è stato a dir poco traumatico. Ovviamente non ricordavo tutti i particolari, ma Fallen fu probabilmente uno dei libri adolescenziali più belli da leggere, Lauren Kate mi aveva fatto innamorare del triangolo amoros Lucy( che poi sul film la chiamano Lus, vabe) /Daniel/Cam, ho vissuto l’esperienza straziante del loro amore tutta d’un fiato e vedere questo film mi ha fatto cadere proprio le braccia. A parte che mi ero immaginata i protagonisti strafighi e mi sono ritrovata questi a dir poco osceni, ma poi la recitazione bassissima alla Twilight, come già è stato notato, mi ha fatto capire che non c’è niente meglio di un libro.

Leggi tutto

Twilight docet… / 28 Settembre 2017 in Fallen

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La diciassettenne Lucinda “Luce” Price, arriva all’istituto Sword & Cross, una specie di riformatorio per ragazzi “difficili” e disturbati. Nel suo passato, un evento traumatico, la misteriosa morte del fidanzatino, perito in un incendio scoppiato per motivi misteriosi, e una serie di visioni inquietanti che la perseguitano da quando era bambina. L’inserimento nella nuova realtà non è facile, ma trova il tempo di trovare un’amica, Penny, di essere corteggiata dal ribelle Cam e di essere attratta, senza un preciso motivo, da Daniel, tenebroso ragazzo che inizialmente sembra volerla evitare. Cam e Daniel, come altri alunni della scuola, sono in realtà degli angeli caduti, rimasti neutrali nella guerra che si combatte in paradiso e per questo condannati a non potervi più tornare. Come condanna supplementare, per motivi non precisati, Daniel subisce anche il supplizio eterno di incontrare ogni diciassette anni la reincarnazione della donna amata e di vederla, invariabilmente, morire. Inutile dire che la più recente reincarnazione è Luce e che questa volta qualcosa andrà in modo diverso. La ragazza, infatti, non è stata battezzata e questo significa che se muore, non potrà più reincarnarsi, cosà di per se priva di logica, perché nella finzione narrativa gli angeli sono sulla Terra da prima che il battesimo fosse introdotto (e anche da prima della nascita del cristianesimo). Il successo commerciale della saga cine-letteraria per giovani adulti di “Twilight” ha creato una serie di epigoni che cercano di ricalcarne gli aspetti romantici, gotici e sovrannaturali. Il romanzo di Lauren Kate Fallen, primo di una lunga serie, è uno dei più derivativi, riproponendo in pratica tutti gli elementi della quadrilogia di Stephenie Meyer, a cominciare dal triangolo amoroso rappresentato dagli efebici Luce/Cam/Daniel con annesse alcune scene cardine (ad esempio, Daniel evita che Luce sia schiacciata da una statua nello stesso modo in cui Edward salva Bella dall’essere investita da un’auto in Twilight), e immergendoli in un’improbabile scuola correzionale che sembra Hogwarts, ma con molta meno CGI. L’unica differenza è aver sostituito vampiri e licantropi con angeli caduti. Nel film, già il prologo, e poi anche una bizzarra lezione di religione, descrive la situazione degli angeli che avevano scelto l’amore al dovere, perdendo così ogni ambizione di ambiguità e suspense intorno al fatto che le visioni di Luce potrebbero anche essere causate veramente dalla mente danneggiata della giovane. Da questo punto di vista il romanzo mantiene la questione sotto una coltre di mistero fin oltre i tre quarti della narrazione. Il problema è che tutte le pagine precedenti, dopo aver introdotto un’idea di interessante, si perdono tra sospiri e patimenti, incontri fortuiti e furtivi, parole non dette e baci non dati. A “vivacizzare” estemporaneamente la narrazione, la morte violenta di uno degli studenti non-angelici. Quando sembra che arrivi un po’ di azione e movimento, sia il romanzo sia il film si chiudono, lasciando molte domande in sospeso, rimandando il lettore al successivo libro dell’autrice, “Torment” (sic) e lo spettatore a un potenziale sequel da non dare così per scontato. Nota piacevole del film è la presenza della bionda Joely Richardson, figlia di Vanessa Redgrave, nei panni di Miss Sophia, personaggio ambiguo che nel finale del romanzo pronuncia, rivolta alla languida protagonista, la liberatoria (per il lettore) frase: “sei stata un’emicrania fatta persona!”.

Leggi tutto

Non ne vale la pena / 4 Febbraio 2017 in Fallen

Risparmiatevi soldi e tempo e non guardatelo nemmeno. Una volta visto Twilight avete visto anche questo. Stesse scene, inquadrature simili, citazioni…
Ho capito perchè ci hanno messo due anni a farlo uscire: la vergogna era troppa ma alla fine avevano bisogno dei soldi.
AH, e l’attore che meno “c’entrava” è quello che recita meno da cani.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.