Recensione su Fahrenheit 451

/ 19667.7243 voti

20 maggio 2011

Ha rischiato di essere un Kolossal!
Il protagonista doveva essere Paul Newman, che aveva accettato, dopo che ci furono molti problemi ad avere i diritti da Bradbury. Poi i tempi si dilatarono per via del budget e passarono degli anni, a quel punto Newman non era più disponibile, allora la produzione pensò a Burton e Taylor, un incubo per Truffaut, che ovviamente fece passare altro tempo.

Ecco che allora decise per Terence Stamp, allora sulla cresta dell’onda. Questi accetta, è bilingue, gli piace il progetto, è inglese, cosa richiesta dai produttori. Le donne dovevano essere in prima battuta Jane Fonda e un’altra star americana, poi si pensò alla Christie. A quel punto il produttore ebbe l’idea di fare interpretare ambedue i ruoli alla Christie, si pensa anche e soprattutto per abbattere il budget. Ma Stamp saputa la cosa si tira indietro, pensa che vogliano affossare il suo personaggio, incentrandosi sui ruoli femminili dato il doppio ruolo della Christie, irremovibile lascia il progetto quando le riprese stavano per partire.
Sul disperato andante Truffaut chiama Werner che doveva comunque interpretare il capo dei viglili del fuoco e gli propone la parte del protagonista. Di lì la storia è nota, con i continui sabotaggi di Werner al film, uso continuo della controfigura perchè lui non voleva fare determinate scene, fino a presentarsi con un taglio assurdo dei capelli a metà riprese (“mi sono addormentato dal barbiere…”), rasati sulla nuca e lungo i lati, anche un po’ sghembi, tanto che molte scene da un certo punto in poi lo vedono sempre col cappello o con inquadrature che eliminino i problemi.

2 commenti

  1. Andrea / 21 maggio 2011

    Interessanti retroscena !
    .. io non ne sapevo nulla

  2. Notta / 7 settembre 2012

    Ma che davvero? ahahah

Lascia un commento

jfb_p_buttontext