Exit Through the Gift Shop

/ 20107.757 voti
Exit Through the Gift Shop
Exit Through the Gift Shop

Banksy è un artista graffitaro di fama mondiale che riesce a difendere il suo anonimato. Exit Through the Gift Shop ci racconta l'incredibile storia vera di un ragazzo francese, Thierry Guetta , eccentrico proprietario di un negozio di abbigliamento a Los Angeles appassionato di street art e documentarista. Banksy sarà la scintilla che farà passare Thierry dall'altra parte della videocamera e facendolo divenire street artist.
Andrea ha scritto questa trama

Titolo Originale: Exit Through the Gift Shop
Attori principali: BanksyShepard FaireyThierry GuettaRhys IfansRegia: Banksy
Sceneggiatura/Autore: Banksy
Produttore: Jaimie D'Cruz
Produzione: Gran Bretagna, Usa
Genere: Commedia, Documentario
Durata: 87 minuti

Barely legal / 7 Dicembre 2012 in Exit Through the Gift Shop

Lieta sorpresa questo mockumentary (palesemente agiografico), soprattutto per chi della street-art ne sa poco o niente. Alcune opere ti fanno restare a bocca aperta per la bellezza o l’impatto cromatico, altre per l’improbabile collocazione (un grattacielo, un cavalcavia o un…famoso museo!), altre per il messaggio.
Oltre agli struggenti stencil di Banksy al West Bank in Cisgiordania, a me è rimasta particolarmente impressa (chissà perchè) la sterlina con il volto di Lady D.
Falsari, sovversivi, sabotatori e imbrattatori? Figurarsi, ormai anche la polizia li adora.
Tutto questo ormai è barely legal, però resta geniale.

Leggi tutto

Mister BrainWash / 16 Novembre 2011 in Exit Through the Gift Shop

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Banksy nelle sue opere spesso critica la civiltà moderna e prova a denuciarne le sue contraddizioni… Thierry evidentemente sembra copiare la pop art, e basta. Ma cosa è reale e cosa è stato creato ad arte come una cabina telefonica piegata a metà e rimessa al suo posto?
Invader (il cugino di Thierry Guetta)! … fu una sorpresa quando andai a Parigi 🙂
Visto attraverso una “proiezione” di MyMovies. C’era qualcun altro per caso?

Leggi tutto

Exit Through The Gift Shop / 10 Febbraio 2011 in Exit Through the Gift Shop

Scrivere di Exit Through The Gift Shop è fichissimo, perché mi permette di tirarmela da uno che ne sa a pacchi di cinema e tirare in mezzo nientepopodimenoche Orson Welles e il suo F For Fake. Sì, perché sia Banksy che Welles giocano con due elementi nei loro documentari: l’analisi del concetto di arte e il dualismo tra verità e menzogna.

Quello di Banksy è un documentario su Therry Guetta, in arte Mr. Brainwash, un cineasta francese trapiantato a Los Angeles ossessionato dalla necessità di riprendere con una telecamera qualsiasi cosa gli accada intorno e che voleva realizzare a sua volta un documentario sulla street art e Banksy in un periodo che spazia tra il 1999 e 2008 (mi sembra). In questi 10 anni, Guetta diventerà a sua volta uno street artist e metterà in piedi a Los Angeles una delle più grandi esposizioni di street art della storia, in seguito a quello che era un tentativo da parte di Banksy di distogliere l’attenzione del francese dal documentario.

Di per sé, Exit Through The Gift Shop è un magnifico documentario sulla street art e sui suoi maggiori esponenti, sulla contemporaneità insita in essa e sulla sua temporaneità, considerato che spesso le opere di questi artisti vengono coperte da una mano di intonaco nel tentativo di “ripulire” le strade delle nostre città. Tuttavia, il film/documentario di Banksy è qualcosa di più di non facile identificazione: è un’allegoria critica della commercializzazione dei movimenti artistici e in particolare della street art? Guetta è solo un fantoccio mosso da Banksy? Tutto quello che abbiamo visto è vero o è stata solo una messa in scena, esposizione di Mr. Brainwash inclusa? E tutti quelli che hanno pagato migliaia di dollari per i pezzi di Guetta che cosa hanno acquistato in realtà, opere vere o patacche confezionate ad arte? Queste sono domande senza risposta che impreziosiscono ulteriormente un documentario che va visto anche solo per poter apprezzare la genialità di alcuni degli artisti contemporanei più ispirati. Il breve pezzo su Banksy nella Striscia di Gaza vale da solo la visione.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.