Recensione su Exit Humanity

/ 20116.84 voti

The Walking Western Dead / 7 gennaio 2016 in Exit Humanity

Si tratta di un film a basso budget che, però, sfrutta sufficientemente bene le frecce al suo arco.
Forte di interpreti abbastanza convincenti e di location naturali che ben si prestano ad una neutra rievocazione storica, la pellicola di Geddes ambienta nel Tennessee della seconda metà del XIX secolo una storia di zombie decisamente classica, ma resa sicuramente originale dal contesto al profumo di western in cui è ambientata.

Benché, per quanto riguarda l’origine dell’epidemia, abbia preferito le motivazioni addotte da un altro film, Contracted (2013) di Eric England (più accattivanti e, se vogliamo, più razionali, pur rendendomi conto che in un film di genere non sia sempre possibile fare affidamento ad una logica propriamente detta), la storia di Geddes si sviluppa in maniera abbastanza avvincente, benché il minutaggio complessivo sia abbastanza eccessivo.

Tra i difetti maggiori, ravviso l’incerta caratterizzazione del villain di turno, un ex-comandante dell’esercito sudista alla spasmodica ricerca di una cura all’epidemia: nella sua follia, non si comprende se l’uomo sia spinto da interessi puramente personali, da una “semplice” ossessione o da chissà cos’altro. Anche il suo micro-esercito ha ben poca ragion d’essere.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext