Recensione su Se mi lasci ti cancello

/ 20048.01280 voti

The world forgettin’ by the world forgot / 26 Dicembre 2016 in Se mi lasci ti cancello

Non è facile parlare di Eternal Sunshine of the spotless mind. Non è facile perché non si tratta di un film facile. Si tratta di un film estremamente complesso, nella sua struttura, e nelle sue tematiche. Non è facile parlare della fine di una storia d’amore, in maniera originale, o addirittura geniale. Non è facile creare dei protagonisti abbastanza interessanti. Non è facile caratterizzarli, sia nei loro tratti distintivi, che nelle più impercettibili sfumature.
Non è facile ambientare un film nella testa del suo protagonista, e creare una successione di ricordi abbastanza plausibili da poter far identificare lo spettatore. Non è facile commuovere, non è facile mostrare la grande differenza tra ciò che accade all’interno della testa, e tutto il mondo che si trova al suo esterno. Eppure questo film si prende la responsabilità di inserire tutti questi elementi, e di dare loro forma e coerenza. Questo film riesce a trovare un linguaggio fruibile, un metodo plausibile, per mostrare qualcosa di incredibile. E la poesia che tocca mescolando reale e onirico, è qualcosa di sensazionale e indescrivibile. Non è un film facile, non è semplice, ma è perfetto nella sua deliziosa complessità. E’ questo film l’eterno splendore di una mente senza macchia.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext