Fuga da Alcatraz

/ 19797.5211 voti
Fuga da Alcatraz

Frank Morris viene trasferito nel carcere di Alcatraz, su un'isoletta della baia di San Francisco. La prigione gode solida fama di massima sicurezza: nessuno infatti è mai riuscito ad evadere. Nonostante ciò, Morris non ha che un pensiero: scappare...
hartman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Escape from Alcatraz
Attori principali: Clint EastwoodPatrick McGoohanRoberts BlossomJack ThibeauFred WardPaul Benjamin, Larry Hankin, Bruce M. Fischer, Frank Ronzio, Fred Stuthman, David Cryer, Hank Brandt, Ray K. Goman, Blair Burrows, Madison Arnold, Garry Goodrow, Ron Vernan, Ed Vasgersian, Matthew Locricchio, Bob Balhatchet, Stephen Bradley, Regina Baff, Joe Miksak, Candace Bowen, Don Michaelian, Dan Leegant, John Scanlon, Jason Ronard, Ross Reynolds, Al Dunlap, Denis Berkfeldt, Jim Haynie, Tony Dario, Fritz Manes, Don Cummins, Robert Hirschfeld, Lloyd Nelson, George Orrison, Gary Warren, Joseph Whipp, Terry Wills, Sheldon Feldner, Danny Glover, Carl Lumbly, Eugene Jackson
Regia: Don Siegel
Sceneggiatura/Autore: Richard Tuggle
Colonna sonora: Jerry Fielding, Carl Fortina
Fotografia: Bruce Surtees
Costumi: Glenn Wright
Produttore: Don Siegel, Robert Daley
Produzione: Usa
Genere: Azione, Drammatico, Poliziesco, Thriller
Durata: 111 minuti

Finalmente / 7 Marzo 2017 in Fuga da Alcatraz

Mi è piaciuto molto, un cult che non bisogna perdere. Che racconta la storia vera di 3 persone che riescono a scappare da questo carcere di massima sicurezza.

27 Dicembre 2013 in Fuga da Alcatraz

Un film volutamente scialbo e anonimo, come la vita dei reclusi.
Cupo come una cella, lento come le giornate trascorse a contare i giorni che separano dalla libertà.
Proprio la fedele riproduzione (che diventa metafora visiva-cinematografica) della austera vita carceraria é il maggior pregio (forse l’unico) di quest’opera.
Fedele pure l’indeterminatezza che aleggia sul finale (come nella realtà: nulla si seppe dell’esito della fuga di Frank Morris e dei fratelli Anglin).
Per il resto é un film che sopravvive (all’oblio) soltanto per la sua notorietà, una fama probabilmente ingiustificata e dovuta esclusivamente alla suggestione che evoca l’evento rappresentato. Un evento mitizzato e assurto al rango di evasione per antonomasia, nonostante la fuga narrata, peraltro abbastanza fedelmente, non sia la sola riuscita (o ipoteticamente tale) nella storia del carcere di massima sicurezza dell’omonima isola della baia di San Francisco.
Probabilmente buona parte del successo (passato) di questa pellicola è dovuta all’efficacia (anche) onomatopeica di un titolo indubbiamente leggendario ed evocativo.
Eastwood efficace nella sua insipidezza, che tuttavia meglio si sposa con le sue rappresentazioni di personaggi del selvaggio west.

Leggi tutto