14 Recensioni su

Edge of Tomorrow - Senza domani

/ 20146.6282 voti

Meh. / 22 Marzo 2021 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Il primo atto è una delle cose più snervanti che abbia mai visto.

Immagina un film che ti sta abbastanza annoiando e a una certa viene fuori che è una specie di “Ricomincio da capo”, che sto zio vive sempre lo stesso giorno, in cui prima che cominci a sfruttare la cosa a proprio favore, sostanzialmente capitano sempre le stesse cose… E tu sei costretto, insieme al Tom Cruise, a rivedere pare pare quelle scene che tanto ti avevano annoiato. La cosa inizialmente ti porta a prendere in considerazione di strapparti via gli occhi dalle orbite e sostituirli dei pezzi di vetro della bottiglia che hai frantumato a terra bestemmiando mentre ti chiedi “Perché??? Perché dovendo scegliere tra QUESTO film e QUELL’ALTRO, o qualunque altra cosa, perché??? Perché ho scelto questo”. Ma ormai è troppo tardi. Non interromperesti un film neanche se fosse “Avviso di chiamata (Hanging Up)” con Meg Ryan, e forse forse dovresti rivedere questa tua sciocca regola. Comunque, prosegui avvilito, e fortunatamente il film via via che va avanti tende a migliorare. Non nel senso che diventa bello, quello neanche con l’intervento di Enzo Miccio e Carla Gozzi (i cui nomi onestamente ho dovuto cercare sull’internet), però quanto meno sopportabile. Comincia a fare l’unica cosa che immagino voglia fare, intrattenere. Non alla grande, ma ci riesce. O quanto meno passa il bisogno di asportarti i bulbi oculari.

Certo non è un film che rivedi una seconda volta. Direi piuttosto che è un film che se tornassi indietro nel tempo impediresti al te stesso che sta per vederlo di farlo. O se, come Bill Murray in Ricomincio da capo e, per qualche ragione, anche Tom Cruise in questo sperpero di denaro, ti capitasse di rivivere lo stesso giorno again and again, CERTAMENTE non lo rivedresti perché NO! NO! NO!

Leggi tutto

Ottimo / 24 Aprile 2020 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Edge Of Tomorrow si rivela essere un solido film fantastico dalla trama interessante. Tom Cruise si mostra sempre a suo agio in questi ruoli, ormai sinonimo di sicurezza la sua presenza. Dolci ricordi degli appassionati di cinema nel rivedere qui anche Brendan Gleeson e Bill Paxton. Il film è molto piacevole, la trama anche se di base semplice appassiona, le fasi action come ogni film di Cruise sono sempre ben fatte. Nel suo insieme Edge Of Tomorrow è un gran bel prodotto, uno dei migliori del suo genere. Cruise c’è poco da dire in questi progetti non sbaglia un colpo.

Leggi tutto

grande sci-fi / 22 Aprile 2020 in Edge of Tomorrow - Senza domani

fantastico, un grande film di fantascienza. Tom Cruise finalmente convince

Game over: rinizia dal punto di salvataggio / 5 Dicembre 2016 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Interessante film di fantascienza, un “Ricomincio da capo” in salsa sci-fi.
Durante un’invasione aliena, il maggiore Cage (Tom Cruise) è l’addetto alle pubbliche relazioni e vorrebbe documentare il primo attacco sulle sponde francesi ma tenendosi alla giusta distanza. Il generale Bringham (Brendan Gleeson) lo costringerà ad arruolarsi a forza.
Dopo il primo attacco e la “Prima” morte Cage cercherà con l’aiuto della soldatessa Rita Vrataski (Emily Blunt) di capire come venire a capo dei nemici.
Qualche battuta divertente soprattutto durante l’allenamento di Cage con la Vrataski; deve stare attento anche al minimo infortunio che rischia di fargli ricominciare la giornata. Simile a un
videogioco (quando si riparte dopo la morte dal punto di salvataggio), il film è carino e riesce a mantenere vivo l’interesse del film fino alla fine.

Leggi tutto

Inaspettato / 15 Marzo 2016 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Non essendo un grande fan di Tom Cruise non mi aspettavo molto;
invece il film si è rivelato abbastanza interessante e piacevole da seguire, nonostante il naso di Tom Cruise venisse inquadrato un po’ troppo spesso.

Senza speranza,Senza speranza,Senza speranza,Senza speranza, / 26 Febbraio 2016 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Il confronto con il film di Ramis è quasi d’obbligo e chiaramente questo “edge of tomorrow” PERDE a mani basse. In “ricomincio da capo” la ripetizione protratta di ogni scena permetteva di apprezzare le piccole sfumature che avvenivano nel protagonista…la lenta metamorfosi di miglioramento del suo essere, e il registro comico adottato permetteva di non stufarsi nel rivedere sempre la stessa cosa.
Qui invece passiamo una mezz’ora buona a rivedere sempre la stessa cosa con l’aggravante che ogni ripetizione genera un incongruenza.

Possono prevedere il futuro, ma continuano ad andare su quella spiaggia…ma quel che è peggio è che continuano ad affrontare il nemico nel combattimento corpo a corpo. Il tutto è confezionato con la solita computer grafica aggressiva che piace ai GGGiovani e che distrae da una trama inesistente e da dialoghi scritti grazie all’ausilio di un Generatore di testo casuale.
Tom Cruise è in sintonia col personaggio dato che ripete ossessivamente lo stesso ruolo dal 1986.

Leggi tutto

23 Agosto 2015 in Edge of Tomorrow - Senza domani

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Altro film di fantascienza per Tom Cruise! Spunto interessante ma non certo originale. Se la storia si ripete qui si ripete anche la Storia con la esse maiuscola, Europa nelle mani del nemico ed alleati che sbarcano in Normandia… ma dai.
All’inizio ho dovuto vincere la noia per le situazioni che si ripetevano e ripetevano poi finalmente si accelera fino ai diversi depistaggi finali.
Certo che spero che sia l’ultima volta che vedo alieni potentissimi a cui basta uccidere il capo/re/regina per farsi distruggere completamente da un’umanità al collasso…

Leggi tutto

Bene tutto ma si perde nel finale / 21 Maggio 2015 in Edge of Tomorrow - Senza domani

bel film , trama sufficientemente coinvolgente ,ma il finale lascia un pò perplessi e non è spiegato molto chiaramente.
Sempre brava e bella la Blunt

3 Gennaio 2015 in Edge of Tomorrow - Senza domani

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

La versione fantascientifica (o dovrei dire più fantascientifica?) di Ricomincio da capo (Groundhog Day) di Harold Ramis. Meno ironico e lieve dell’originale, e più automatico, tanto da somigliare a un videogioco che si ripete incessantemente, con livelli via via crescenti di abilità (cosa alla quale in effetti paiono alludere i titoli di coda). Tom Cruise è ovviamente lontano mille miglia in bravura da Bill Murray; Emily Blunt è seducente nella veste di donna guerriero, ma il personaggio che interpreta non è simpaticissimo. C’è anche qualche incongruenza di troppo: Tom Cruise si risveglia ogni volta con la stessa memoria e lo stesso sangue (misto a quello alieno): basta infatti una trasfusione a fargli perdere i suoi poteri; ma non si risveglia – naturalmente – con le stesse ferite. Inoltre alla fine del film, la vittoria sugli alieni sembra avvenire prima degli eventi che l’hanno determinata. Ma ci si diverte, e l’interesse per una vicenda che incarna il sogno di ricominciare la vita da capo con la saggezza acquisita con l’esperienza è lo stesso che si prova per il film di Ramis. Il film induce anche a porsi qualche domanda filosofica non banale: si può dire, e in che senso, che Rita muoia ogni volta?
Unico inconveniente, almeno per me: avevo visto troppe volte i trailer, e quando alla fine ho visto il film ho avuto come l’impressione di averlo già guardato molte, moltissime volte…

Leggi tutto

Cosi cosi… / 16 Dicembre 2014 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Tom Cruise, si sa, non muore mai! Dai “Mission: Impossibile” a questa ennesima pellicola action lui non muore mai… ma in questo film è proprio nella trama che lui debba ripetere lo stesso giorno fino a che la sua morte lo riporta da capo… Ahimè! Senza dubbio una strizzata d’occhio a “Source Code” (l’idea è proprio quella!) e un mix tra guerra e fantascienza, la pellicola comunque appassiona, anche se ripetitiva e simile a molte altre. Ma merita una guardatina, per gli amanti dell’action-war! 6,5

Leggi tutto

16 Dicembre 2014 in Edge of Tomorrow - Senza domani

La terra è invasa da creature aliene, invincibili e inarrestabili. Gli uomini continuano una sanguinosa guerra che sembra non avere mai una vittoria decisiva. Finché non arriva una persona speciale, capace di incitare i soldati ma assolutamente incapace di combattere qualsiasi battaglia e si troverà, suo malgrado, a combattere e cercare di cambiare le sorti della guerra.

Leggi tutto

Cruise, crepa e lasciaci in pace! / 9 Giugno 2014 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Prendete Source Code, aggiungetegli la comicità di Ricomincio da Capo (che dà quel tocco simpatico alla “Marvel pèpèpèpèpè ♫” che piace sempre) e un pizzico di alieni presi da Independence Day (ma resi più steampunk). Infine aggiungete una spruzzata di RoboCop (quanto basta) e mescolate il tutto. Fate cuocere sulle fiamme di un aereo esploso o di una Parigi rasa al suolo per venti minuti e *tadaan* avrete Edge of Tomorrow. L’americanata per eccellenza.

Non che mi aspettassi di meglio, figuriamoci. Manco volevo andarci al cinema ieri sera, ma è stata davvero un’esperienza orribile. Oltre ogni umana immaginazione. Perché non c’è nulla, e dico nulla, che potrei salvare di questo film.

A partire dagli interpreti principali. Un Tom Cruise ormai troppo in là con gli anni per rivestire i panni del super uomo alla Mission Impossible e un’Emily Blunt così piatta, che con la sua continua espressione da “morta con gli occhi spalancati” fa quasi salire il crimine.
C’è anche da dire che la parte da supersoldato non le dona. Lei dovrebbe rivestire solo quei ruoli da snob come su Il diavolo veste Prada e basta. Perché ha quella faccia lì, da stronzetta acida con la puzza sotto il naso.

Bè, antipatie personali a parte, anche la narrazione non è delle migliore. E nonostante non ci siano grossi buchi di trama, nel senso che tutto il contesto fila piuttosto bene, anche se non si ci si è sforzati minimamente di aggiungere dettagli sulla specie aliena dei Mimics, di cui si sa davvero poco, e sulla situazione generale del mondo, quel poco che viene spiegato alla fine di tutto sembra seguire un filo logico. Anche se la storia dei loop temporali a lungo andare risulta snervante, essendo stata troppo estremizzata.
Se avessero tagliato mezz’ora di pellicola non sarebbe cambiato nulla.

Ma questo è Edge of Tomorrow, un continuo ripetere di una trama già vista, che oltre a non avere nulla di nuovo, non lascia niente.

Se non un immenso stato di noia e la perplessità per il tipico finale buonista e eroico, che sono quasi certa non rispecchi quello della light novel originale di Hiroshi Sakurazaka e Yoshitoshi ABe (l’adattamento manga di All You Need Is Kill uscirà il 19/06 – Planet Manga).

Leggi tutto

All You Need Is…Die! / 6 Giugno 2014 in Edge of Tomorrow - Senza domani

Adattamento in live-action della light novel (romanzo illustrato per ragazzi) “All You Need Is Kill” dello scrittore Hiroshi Sakurazaka e disegnato da Yoshitoshi Abe. Il successo di questo racconto di genere fantascientifico militare è stato tale in Giappone da convincere la catena di distribuzione Shueisha a produrre un adattamento manga, con tanto di disegni affidati a Takeshi Obata (pilastro tra i disegnatori della casa editrice e noto principalmente per Death Note qui da noi).
L’approccio con questa versione americana ha avuto pochi confronti con le varie controparti da parte mia. Non ho letto il romanzo originale ed ho dato giusto un’occhiata al fumetto per pura curiosità, leggendo il capitolo pilota molto tempo prima. Non mi sento quindi di toccare l’argomento della fedeltà, visto che il materiale su cui posso compiere un’analisi è troppo poco e lascio il compito a qualcuno più preparato sotto questo punto di vista. Diciamo che mi sono avvicinato al film senza avere la minima idea di cosa mi aspettasse (ed alla fine è vero).
Passiamo quindi alla pellicola: senza indugiare troppo, dico che Edge Of Tomorrow è un film bocciato dal sottoscritto. Sotto certi aspetti, però, non tutto quello che ha mostrato è da scartare a priori.
La chiave del reset è sicuramente intrigante ed apre a numerose possibilità narrative. Qui nel film però non è resa benissimo per vari motivi. Tralasciando la scarsa caratterizzazione dei personaggi, è il ritmo a mantenersi impalpabile. I continui reset, come una doppia lama, rendono interessante la narrazione ma allo stesso tempo la “spezzano” letteralmente in alcuni momenti, combattimenti in primis. Con l’avanzare della pellicola, questo difetto si andrà a percepire sempre di più, diventando sfiancante. Il risultato è che l’intrattenimento (cosa che dovrebbe garantire un blockbuster americano) sotto questo punto di vista non si percepisce. Ed è una grossa pecca considerando che il film vive di questo.
Inaspettatamente è l’ironia a cui ricorre Doug Liman la piccola nota lieta di questa pellicola. E’ paradossale, ma sono proprio le parti in cui il film si prende poco sul serio a riuscire bene. Non dico che vedere l’eroe di turno morire a ripetizione nei modi più goffi e imprevedibili debba far piangere dalle risate, ma sicuramente guadagna punti in fatto di simpatia ed è un tono decisamente inaspettato per un lungometraggio del genere. Questi sono stati gli unici momenti in cui Edge Of Tomorrow mi ha destato qualche piacere. Per il resto nulla di memorabile: di americani contro alieni ne abbiamo visti in tutte le salse e qui la risoluzione finale è, oltretutto, lineare al massimo e senza colpi di scena particolari. Nella seconda parte poi si perde del tutto il tono humour, e il film si autorelega a banale sci-fi movie.

Leggi tutto

Orribile / 1 Giugno 2014 in Edge of Tomorrow - Senza domani

E no, scusate, ma continuo ad interessarmi a questi film che spesso hanno una valutazione alta e invece poi ne rimango deluso. E no, scusate, ma io qui non vedo nulla di diverso da altri film commerciali, banali ed inutili che sono usciti negli ultimi anni.
Di nuovo un film fantascientifico e fantapolitico ambientato in un futuro distopico. Basato su una light novel, il film non presenta gli alieni che approdano sulla Terra, bensì siamo nel futuro ed essi già ci sono. Ora, trascurando l’estetica di questi alieni (e quindi evitando di analizzare il quanto i loro tratti fisici siano appropriati), non si può dire che essi siano presentati in modo originale. In effetti, essi non vengono per niente presentati, ma la cosa che mi fa storcere il naso è che non vengono neanche contestualizzati in un qudro almeno generico. Insomma, perché combattono con gli uomini, qual è la loro origine. Ora, non ho letto la Light Novel (suppongo però siano assai più approfonditi lì), però bisogna sicuramente caratterizzare il clima che si respira, almeno per quanto riguarda la parte politica, che ci viene presentata in modo molto generico e vago. Il problema di questo film è uno ed uno solo: è fatto male. Infatti, se da una parte troviamo un non inquadramento dell’ambito in cui avvengono le vicende, dall’altra riscontriamo addirittura una mancata caratterizzazione del 90% dei personaggi che compongono la storia, eppure essi appaiono in molte scene e, malgrado spesso ripetano le stesse azioni, neanche sono riusciti a farli rimanere impressi nello spettatore. Riguardo i due protagonisti, possiamo dire che sono un po’ più interessanti ed approfonditi: Cage è un debole che diventerà duro, Rita è una dura, che però diventerà via via più morbida portando avanti quello che è un rapporto umano sicuramente interessante e molto intenso. Se, però, dovessi dire che Cruise e la Blunt mi sono piaciuti, beh…dovrei dire una bugia. Sicuramente, come sempre, è apprezzabile Cruise nelle scene d’azione che, a quanto pare, è lui stesso a girare: di ciò va dato atto.
Però, fondamentalmente, di questo film, cosa ti rimane ? Non è divertente né ben realizzato. Cioè, sul piano degli effetti speciali è buono, ma per quanto riguarda la sceneggiatura non ci ho trovato quasi nulla di buono. Un po’ come mi era capitato tempo fa con Divergent, colpa mia che continuo a sperare di trovare qualcosa di diverso.
La banalità è sempre alle porte ed in questo film anche si intravede. E’ vero che il plot è originale (forse) e un po’ si distingue dagli altri film commerciali, però in generale è ricco di cliché. L’originalità è ben poca, neppure gli alieni li ho trovati interessanti. Insomma, un minestrone di roba mal mescolata, un prendi da qui e prendi da lì che alla fine porta solo alla noia ed alla certezza assoluta che era meglio evitare di comprare il biglietto.
Non mi diverto a criticare film simili, ma ancora non capisco come sia possibile che abbia valutazioni così elevate. Insomma, prendere qua e là e cambiare leggermente non vuol dire aver fatto qualcosa di eccezionale. Così, sarebbe troppo facile. Credo che il commento migliore al film sia stato espresso da un peto che si è sentito in sala proprio ai titoli di coda, tra l’altro accompagnati da un brano musicale che non capisco cosa c’entri col film. Ma vabbe’…dettagli…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.