Recensione su Eddie the Eagle - Il coraggio della follia

/ 20167.143 voti

Emozionante! / 7 aprile 2017 in Eddie the Eagle - Il coraggio della follia

Davvero un film piacevole, interessante e toccante, questo ispirato alla storia di Eddie “The Eagle” Edwards (Taron Egerton). Il ragazzo, da sempre amante degli sport olimpici, è determinato, nonostante vari problemi fisici e di carattere, a competere alle olimpiadi. Ma niente va per il verso giusto: la federazione britannica lo allontana dal mondo dello sci, e le parole del padre, che lo invoglia a lavorare con lui, sembrano prendere il sopravvento. Ma a un tratto viene a conoscenza del salto con lo sci: è amore a prima vista. La Gran Bretagna non ha mai avuto un atleta in quella disciplina (siamo alle Olimpiadi del 1988) e Eddie decide di andare in Germania per allenarsi e accedere ai giochi olimpici. Qui troverà tante delusioni, sia fisiche, che a livello personale, preso in giro da tutti gli atleti più esperti e navigati. Ma l’incontro con una leggenda dello sport (Hugh Jackman), che, per la sua attitudine poco positiva non ha sfondato ed ha imboccato la via dell’alcool, lo porterà davvero in avanti, dove nessuno credeva: sarà il primo britannico a cimentarsi nel salto con gli sci alle Olimpiadi, e diventerà un vero e proprio idolo, guadagnandosi il soprannome di “The Eagle” appunto. Un film come ho detto all’inizio davvero emozionante, è l’essenza dello sport e trasmette un messaggio potente e bello: mai arrendersi e sempre credere nelle proprie capacità. Per quanto riguarda gli attori, i due protagonisti funzionano alla grande davvero, e nel cast appaiono diversi volti noti, tra cui Jim Broadbent e l’intramontabile Christopher Walken. Curata anche la realizzazione tecnica, belle le musiche. Un film che consiglio caldamente di vedere, per conoscere meglio non solo questo sport, ma anche un personaggio davvero incredibile.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext