1984

Dune

/ 19846.3158 voti
Dune
Dune

Siamo nell'anno 10191, e sul pianeta Arrakis vi è una pianta che ha il dono di allungare la vita. Su di esso vivono i Fremen, che devono difendersi dagli attacchi degli Harkonnen, che provengono dal pianeta Giedi Primo, i quali vogliono impadronirsi della Spezia, che garantisce il controllo dell'universo a chi ne è in possesso. Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Frank Herbert.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Dune
Attori principali: Kyle MacLachlan, Francesca Annis, Jürgen Prochnow, Kenneth McMillan, Freddie Jones, Patrick Stewart, Richard Jordan, Siân Phillips, Sting, Brad Dourif, Dean Stockwell, Everett McGill, Sean Young, José Ferrer, Max von Sydow, Alicia Witt, Linda Hunt, Virginia Madsen, Silvana Mangano, Jack Nance, Leonardo Cimino, Danny Corkill, Honorato Magaloni, Judd Omen, Molly Wryn, Angélica Aragón, David Lynch, Ernesto Laguardia, Ramón Menéndez, Humberto Elizondo
Regia: David Lynch
Sceneggiatura/Autore: David Lynch
Colonna sonora: Toto
Fotografia: Freddie Francis
Costumi: Bob Ringwood
Produttore: Dino De Laurentiis, Raffaella De Laurentiis
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantascienza
Durata: 137 minuti

24 novembre 2016 in Dune

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Con la realizzazione di questo film si chiude un cerchio. “Senza Dune, Guerre Stellari non sarebbe mai esistito”, questa frase, attribuita allo stesso George Lucas, è quanto mai vera giacché una delle maggiori fonti d’ispirazione del regista californiano fu senza dubbio la saga letteraria di Frank Herbert. E’ altrettanto vero, però, che senza il... continua a leggere » successo Guerre Stellari a nessun produttore sarebbe venuto in mente di trasporre al cinema una storia complessa e di ampio respiro come quella dei romanzi di Herbert.

Già dagli anni settanta Hollywood tenta di portare sullo schermo Dune. Il primo a interessarsi della cosa fu il visionario e controverso regista e fumettista cileno Alejandro Jodorowsky, il quale aveva già contattato come scenografo H.R. Giger, l’artista che in seguito creerà lo xenomorfo di Alien (1979), e altre personalità come l’altro fumettista Moebius, Salvador Dalì, Mick Jagger, i Pink Floyd, Orson Welles e David Carradine.
Il progetto non andrà mai in porto. L’odissea produttiva di uno dei più grandiosi film mai realizzati viene raccontata nel documentario di Frank Pavich Jodorowsky’s Dune (2013).

Fallita l’opzione Jodorowsky, il tutto passerà nelle mani dell’altrettanto controverso regista David Lynch, che all’epoca aveva all’attivo solo due film: l’allucinante Eraserhead (1977) e il biografico The Elephant Man (1980).

Lynch, che scrisse anche la sceneggiatura, girò materiale per quattro ore di film, neanche sufficienti, comunque, a inserire nel film tutto il substrato del romanzo. La produzione di De Laurentis lo privò però del director’s cut, tagliando molte scene per portarlo a una durata più canonica di sole due ore. Il film che ne venne fuori, uscito nel 1984, risultò così compresso e squilibrato nelle varie parti del racconto, con alcune sequenze incomprensibili e caotiche.

Non mancano lati positivi, che in parte fanno dimenticare i tagli con l’accetta del montaggio. Tutto il film è saturo di un’atmosfera mistica, onirica, magica e affascinante, anche grazie a una fotografia “sporca” e alla scelta di rifuggire visivamente da ogni suggestione hi tech, ma anzi di conferire alla tecnologia, seppur presente in abbondanza, un aspetto retrò.

Ottimi gli effetti speciali, riguardanti soprattutto i famosi Vermi di Dune, realizzati dall’italiano Carlo Rambaldi.
Evocativa la colonna sonora a opera, tra gli altri, di Brian Eno e dei Toto. A interpretare il protagonista Kyle MacLachlan, col quale Lynch girerà altri tre film e la serie televisiva I Segreti di Twin Peaks. Tra i numerosi attori coinvolti anche il cantante Sting (nel ruolo del perverso protetto del barone Harkonnen), Max von Sydow, Sean Young (la Rachael di Blade Runner), Jürgen Prochnow, Brad Dourif, Silvana Mangano e Patrick Stewart (il futuro capitano Picard di Star Trek TNG).

Il film fu un flop commerciale clamoroso, costato circa quaranta milioni di dollari, riuscì a stento a recuperare le spese, soprattutto grazie all’uscita in Europa dove ebbe maggior successo che in patria. I motivi dell’insuccesso furono molteplici. Per prima cosa è un film di fantascienza molto diverso da quelli che il pubblico era abituato a vedere nei cinema in quegli anni, soprattutto se paragonato alla recente saga di Guerre Stellari. Bisogna poi ammettere che effettivamente la trama del romanzo è molto complessa e difficile da trasporre fedelmente su pellicola. Per chi non ha letto il romanzo diversi passaggi possono rimanere oscuri e confusi, anche per via dei tagli operati dalla produzione. Nonostante tutto Herbert fu comunque soddisfatto del lavoro di Lynch, riconoscendogli di avere ben illustrato il mondo del suo romanzo. Come è capitato con molti altri insuccessi commerciale, anche Dune col tempo ha raggiunto comunque lo status di film cult!

L’esperienza con Dune segnò profondamente Lynch che dopo di questa non realizzerà più pellicole di fantascienza. Nel 1988 fu lanciata da parte della produzione una Extended Edition di tre ore, se possibile ancora più confusionaria e maldestramente montata della precedente. Lynch ritirerà il suo nome dai credits di questa versione, il regista risulterà come Alan Smithee, lo pseudonimo di chi non vuole firmare un’opera, mentre come sceneggiatore cambierà il proprio nome in Judas Booth, dall’unione dei nomi di Giuda Iscariota, il traditore per antonomasia, e di Wilkes Booth, l’assassino del presidente Lincoln, giusto per far capire come si sentisse pugnalato alle spalle riguardo alla sua opera!

4 dicembre 2014 in Dune

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Nel 10191 le spezie, soprattutto il cinnamomo, sono carissime e la gente si ammazza per averne un po' fino a quando, un giorno, una tale dice di essere il messia e tutto torna a posto. Ambientazioni, costumi, musiche, design: tutto raggiunge l'eccellenza. Bravo David Lynch.

Incompiuto! / 18 dicembre 2013 in Dune

L'unico, probabilmente, film di David Lynch incapace di esprimersi a suo modo, piatto, mai troppo accattivante nel quale il regista, si evince, sembra trovarsi molto a disagio. Al contrario del maestoso, bellissimo e mai capito "I Cancelli del Cielo" di Mcheal Cimino, flop colossale che distrusse la carriera del povero regista de "Il Cacciatore", questo... continua a leggere » "Dune" è il flop colssale, di un film non riuscito e sbagliato, che fa rientrare Lynch immediatamente nei ranghi di autore minimalista, interessato più all'aspetto umantistico ed oscuro dell'America contemporanea. Ciò, checchesenedica, gli concerne di più e cosa che farà e mai più abbandonerà dopo questo costoso esperimento. "Dune", pressato da una mega produzione milionaria di Dino De Laurentiis, si trasforma, quasi subito, probabilmente durante le riprese stesse, in un pastrocchio dalle buone intenzioni, senza dubbio, un film di fantascienza colta che nulla ha a che vdere con la robaccia plastificata che scorre oggi sui nostri maxischermi, un'opera alla "Blade Runner" per intenderci con quel gusto e quel tocco, almeno nelle intenzioni, ma che sfiora soltanto certe vette, grazie ad una scenografia notevole e ad una regia, seppur incerta, con dei tocchi brillanti e riconoscibili. Il film e la storia sono un pò confusionari e gli attori un pò in bambola e, nel complesso, la storia non scivola via come l'olio essendoci, come in tutte le grosse produzioni, troppi galli a cantare e a reclamare la propria autorità, sottraendone, forse, troppa al buon David Lynch che si ritroverà a non avere più nemmeno il controllo sul final cut e sulle successive versioni, tagliate e ri-montate per rendere il film più gradevole e scorrevole, a detta sempre dei produttori. Un episodio unico nella carriera di Lynch, l'unico Kolossal della sua filmogriafia ed oggi, anche se, come spesso accade, viene rivalutato ed elevato a Cult, parola ormai stra abusata e violentata, questo "Dune" resta l'unico vero passo falso del Maestro. Non un film brutto ma, appunto un film non convincente, incompiuto.

14 novembre 2011 in Dune

pietra miliare del genere, grandissimo libro, film forse un pelino sottotono. l'atmosfera però è stata ben ricreata. a un passo dal mito!

14 novembre 2011 in Dune

Sono sicuramente un grande fan di Lynch anche se non sempre apprezzo il cinema di fantascienza (con le dovute eccezioni logicamente). Ero incuriosito da ciò che avrebbe potuto fare Lynch in un contesto fantascientifico e, sebbene il suo stile particolarissimo a tratti emerga anche in questo film, devo dire che guardandolo mi sono annoiato e basta.
Manca... continua a leggere » il fascino, l'introspezione, la deriva onirica degli altri lavori di Lynch. La storia è oltremodo intricata, lacunosa quando negli altri film che ho visto è semplicemente cerebrale (scusate l'ossimoro), poco attraente perchè in fondo banale. Di una lentezza esasperante e stilisticamente scarso, non arriva neppure lontanamente ai livelli di un "Mulholland Drive", uno tra i suoi migliori film.
Non è il Lynch che piace a me.