Recensione su Dogville

/ 20037.7457 voti

Si chiama Lars von Trier / 13 Settembre 2014 in Dogville

Chi vuole guardare un film di von Trier deve essere consapevole di ciò che lo aspetta. Non ci sono spettacolari scene di esplosioni, effetti speciali, scenografie pazzesche. Non si chiama Michael Bay, si chiama Lars von Trier. Nei suoi film c’è la cinepresa, una sceneggiatura sempre originale e ben costruita, e gli attori. Penso che gli attori con von Trier diano il 100 %, la Kidman dopo questo film ha detto che non lavorerà mai più con il regista danese. Dogville è una cittadina tranquilla, gli abitanti hanno un’esistenza monotona e senza grandi avvenimenti, finchè non arriva Grace (Nicole Kidman). La donna, in fuga da un gruppo di gangster, superate le diffidenze iniziali, riesce a farsi accettare dagli abitanti del posto. Con il passare del tempo, però, anche la polizia locale va alla ricerca di Grace e cominciano i primi malcontenti. Film che critica l’animo umano, che si professa buono e premuroso, ma che in verità è vile e approfittatore.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext