Recensione su Dogman

/ 20187.6196 voti

Mah… / 11 Settembre 2019 in Dogman

Devo dire che Garrone nella sua regia riesce a trasmettere quel senso di disagiato e di corrotto che abbiamo ben visto in altri suoi lavori.
Ma qui gioca sempre le stesse carte: traendo spunto da una vicenda e trasformandola un po’ ne esce un lavoro cupo e triste, come il nostro Marcello, che per guadagnarsi amicizia e accettazione pensa di fare la cosa giusta ma si mette contro tutti. Per poi finire solo anche solo dopo aver “rimediato” al danno. Facendone un altro contro se stesso.
Bello si, particolare per gli amanti del regista, ma colpisce solo per la sua cruda verità.
Forse un po’ troppo elogiato.
Per me è 5.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext