Recensione su Doctor Sleep

/ 20196.261 voti

Dimenticabile / 1 Maggio 2020 in Doctor Sleep

Doctor Sleep è il sequel ufficiale di Shining. Non si tratta del frutto partorito dalla mente di produttori senza idee e affamati di denaro, bensì è tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King; perciò parliamo di un vero e proprio sequel ufficiale. Di conseguenza il confronto è inevitabile. Doctor Sleep non ha nulla da spartire con Shining. Certo, ritroviamo Danny e Wendy, giustamente interpretati da altri attori, ma non ritroviamo le atmosfere cupe e ansiogene dei film di Kubrick e del romanzo di King. La storia è piatta, e si estende su quasi 2 ore e mezza di pellicola. Troppa per raccontare una storia piuttosto semplice che poteva essere narrata in meno di due ore. I personaggi sono irritanti, nessuno escluso in particolar modo Rose Cilindro con la sua banda del Vero Nodo, con uno strano tizio che sembra troppo Piero Pelù.
La storia è scialba e non fila e poteva essere narrata in 100 minuti di pellicola anziché 150. L’unica cosa che rende piacevole la visione e alla quale i produttori hanno voluto un po’ troppo strizzare l’occhio per motivi commerciali, sono i richiami a Shining, le repliche di alcune scene cult del film di Kubrick, qui ben riproposte da attori vagamente somiglianti; e a quel tentare di emulare le inquadrature e le simmetrie perfette del Maestro Kubrick.

Escluso questo il film è un 5½ che arrotonderò a 6.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext