1961

Divorzio all'italiana

/ 19618.1153 voti
Divorzio all'italiana
Divorzio all'italiana

Don Fefé è stufo della baffuta e svenevole moglie: si invaghisce della bella e giovane cugina, loro vicina di casa e, per farla sua, decide di uccidere l'odiata consorte.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Divorzio all'italiana
Attori principali: Marcello MastroianniDaniela RoccaStefania SandrelliLando BuzzancaLeopoldo TriesteOdoardo Spadaro, Saro Arcidiacono, Margherita Girelli, Angela Cardile, Pietro Tordi, Ugo Torrente, Laura Tomiselli, Bianca Castagnetta, Renzo Marignano, Antonio Acqua, Giovanni Fassiolo, Francesco Nicastro, Ignazio Roberto Daidone
Regia: Pietro Germi
Sceneggiatura/Autore: Pietro Germi, Ennio De Concini
Colonna sonora: Carlo Rustichelli
Fotografia: Carlo Di Palma
Produzione: Italia
Genere: Commedia
Durata: 104 minuti

Costruzione di una vendetta / 19 Giugno 2018 in Divorzio all'italiana

Eccezionale commedia nera di un Germi rinnovato, che esce con decisione dai toni neorealisti. Forse una delle interpretazioni più memorabili del divino Mastroianni, con il suo charme lezioso e i suoi tic, affiancato qui da una Daniela Rocca straordinaria, buffa e civettuola, incredibilmente sexy pur nel suo tratto grottesco di donna baffuta e monociglio. Inzaccherata da stille di pura comicità, la sceneggiatura di Concini, Giannetti e lo stesso Germi ottenne il premio Oscar giocando sull’onore siciliano e le sue storture, mettendo ironicamente dietro a una storia criminale di costruzione artificiale di una vendetta l’imminente rivoluzione del divorzio in Italia. Siamo alle sorgenti più pure e incontaminate della cosiddetta “commedia all’italiana”.

Leggi tutto

(Anti)eroe? / 6 Giugno 2016 in Divorzio all'italiana

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo film, da come si deduce dal titolo, ha già un tema scottante per gli anni ’60: il divorzio. Soltanto grazie alle contestazioni e lotte attuate negli anni ’70, si riuscì ,in Italia, a decretare questa legge che dir contemporanea è dire una parola pleonastica. E per l’epoca, era quasi una chimera. Per questo lo scaltro Ferdinando (alias Mastroianni) escogita un piano a dir poco subdolo: uccidere la povera moglie, per poter andare in prigione da eroe e uscirne con una bella signorina tra le braccia … E’ un film che non fa ridere, anzi, fa ribrezzo, eppure Mastroianni rende il suo personaggio quasi come una macchietta, un pover’uomo costretto a farsi un piano diabolico pur di ritornare a vivere felice … Pietro Germi è un regista da (ri)scoprire, in patria …

Leggi tutto