Dead Man Down: Il sapore della vendetta

/ 20135.746 voti
Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Victor, ex-soldato ungherese al soldo di un boss della malavita newyorkese, vuole vendicarsi proprio del suo capo che ha causato la morte di sua moglie e di sua figlia: per mettere in atto il proprio piano, l'uomo chiede aiuto ad un amico e inizia le indagini per scoprire l'esatta identità del killer che ha obbedito agli ordini del boss.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Dead Man Down
Attori principali: Colin FarrellColin FarrellNoomi RapaceNoomi RapaceTerrence HowardTerrence HowardDominic CooperDominic CooperIsabelle HuppertIsabelle HuppertLuis Da Silva Jr., John Cenatiempo, Stuart Bennett, Franky G, F. Murray Abraham, Declan Mulvey, Roy James Wilson, Armand Assante, Myles Humphus, Stephen Hill, Aaron Vexler, James Biberi, Andrew Stewart-Jones, Krystal Tini, William Zielinski, Jessica Jean Wilson, Christopher Cline, Kimberly S. Fairbanks, Michael McKiddy, Beata Dalton, Accalia Quintana, Jay Santiago, Maria Laboy, Saul Stein, Roy Milton Davis, Jennifer Mudge, Ante Novakovic, Kresh Novakovic, Jennifer Butler, Raymond Mamrak, Bobby Beckles, Raw Leiba, Hisham Tawfiq, Nnamdi Nwosa, R. Marcos Taylor, Jeremy Sample, John Wooten, Stephen Mann, Aleksander Mici, Mostra tutti

Regia: Niels Arden OplevNiels Arden Oplev
Sceneggiatura/Autore: J.H. Wyman
Colonna sonora: Jacob Groth
Fotografia: Paul Cameron
Costumi: Renee Ehrlich Kalfus
Produttore: Neal H. Moritz, J.H. Wyman, Stuart Ford, Michael Luisi
Produzione: Usa
Genere: Thriller
Durata: 118 minuti

Dove vedere in streaming Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Peccato….. / 28 Luglio 2016 in Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Niels Oplev di “Uomini che Odiano le Donne” ritrova Noomi Rapace in un thriller d’azione purtroppo poco riuscito a causa di una trama davvero poco credibile. Poco serve il buon cast, che recita anche benino, con appunto la Rapace e Colin Farrell protagonisti. Semplicemente il film non prende, se non in quelle sequenze d’azione che male non sono, ma sono poche e comunque manca un qualcosa che faccia davvero appassionare. Quanto al resto del cast, troviamo tra gli altri Dominic Cooper ed il wrestler Wade Barrett, non a caso il film è stato prodotto anche dai WWE Studios (e quasi sempre i loro film sono poco belli…)

Leggi tutto

Carino, ma…. 6 / 24 Giugno 2014 in Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Un discreto e misterioso Colin Farrell affiancato da una tormentata Nomi Rapace sono i protagonisti di questo thriller che non dà niente di nuovo al pubblico: una buona regia con una trama prevedibile e con pochi colpi di scena, ma che si lascia guardare nonostante tutto con interesse. Un 6 per l’impegno.

21 Aprile 2014 in Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Piccola sorpresa, questo film che conoscevo poco o niente.
Due persone tormentate da cicatrici si incontrano: una, Beatrice (Noomi Rapace, diretta dallo stesso regista nella saga tratta dai libri di Stieg Larsson), soffre di cicatrici esteriori causa di un incidente stradale che le hanno rovinato il bel viso; l’altra, Victor (Colin Farrell), soffre di cicatrici interiori. Entrambi pensano di poter trovare sollievo dai loro tormenti con la vendetta.
Inizio un pò misterioso ma pian piano si cominciano a scoprire i misteri, soprattutto riguardanti Victor.
Buon film tra thriller ed azione conditi da sentimenti, appassionante ed avvincente.

Leggi tutto

17 Luglio 2013 in Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Piuttosto inutile. Nonn c’è tanto altro da aggiungere…
L’ho visto essenzialmente perchè di recente Colin Farrell azzecca buoni ruoli e perchè Noomi Rapace mi piace parecchio ma questa volta Farrell è fuori ruolo e la Rapace da un pò di film a questa parte non mi dice proprio più nulla.
Trama vista e rivista con una sceneggiatura fragile e dialoghi tirati per i capelli.
Il resto è tutto già visto.

Leggi tutto

Un film che potrebbe sostituire la pena di morte in molti Stati. / 16 Marzo 2013 in Dead Man Down: Il sapore della vendetta

Per la regia del danese Niels Arden Oplev, famoso per aver diretto il primo capitolo della trilogia originale di Millennium, Uomini che odiano le donne, questa pellicola basata sui dialoghi e sulle scene d’azione ha due grossi problemi: i dialoghi e le scene d’azione. I primi sono di una lentezza esasperante, con intensi sguardi eterni alla Twilight maniera, battute rarefatte e banalissime e interi minuti dove non si riesce a comprendere che cosa stiano aspettando i personaggi sullo schermo prima di fare o dire qualcosa (Godot probabilmente). Le scene action invece sono caratterizzate da un movimento della macchina da presa accurato e preciso come se avessero fatto impugnare la telecamera a una scimmia ubriaca, creando un casino tale da non far capire allo spettatore un beneamato accidente di ciò a cui sta assistendo. La somma di questi due fattori ha come risultato uno dei più colossali deficit di attenzione che occhio umano possa mai provare (e sopportare), con il povero Cristo in sala che passa in letargo il 70% delle due ore scarse di durata per poi svegliarsi in quegli orgasmi di morte che sono le sparatorie, col risultato di non seguire per niente una sceneggiatura banale come uno yo-yo rotto. Lo script ha più buchi del groviera, i personaggi molto spesso fanno scelte repentine e incomprensibili usando un minimo di logica, cambiando mood a casaccio e avendo reazioni umane realistiche come gli effetti speciali di Superman del 1978. E ovviamente gli attori, se possibile, rendono ancora peggiore questo immane strazio. Colin Farrell è irritante nella sua monoespressività e con i suoi sopracciglioni perennemente aggrottati come se avesse una paresi, e il fatto di avere un personaggio stereotipato come non mai non lo aiuta (chissà cosa aveva di così urgente da pagare con questo cachet). Noomi Rapace dopo l’insulto Prometheus imbrocca un altro flop che accresce ancora di più la sua fama di miracolata, come se non ce ne fosse bisogno. Dominic Cooper e Terrence Howard fanno tappezzeria con personaggi rilevanti come l’ultimo pezzo in basso a sinistra di un puzzle da cinquemila, e quest’ultimo in particolare interpreta uno dei villain più noiosi e scontati della storia. Brevi apparizioni di Fahrid Murray Abraham e Armand Assante che dimostrano che lo sputtanamento non ha età.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.