Recensione su Le Ardenne - Oltre i confini dell' amore

/ 20157.97 voti

Piccola chicca nordeuropea / 9 Luglio 2020 in Le Ardenne - Oltre i confini dell' amore

Il cinema nordeuropeo ha regalato parecchie perle negli ultimi anni, dimostrando con costanza e originalità di essere una piccola fetta del settore che non bisogna sottovalutare. Le Ardenne suggella quanto appena detto presentandosi come gioiellino del genere noir con una regia quadrata e pulita, una sceneggiatura concisa e serrata come i denti dei protagonisti immersi nel freddo della regione Belga. Le Ardenne è un film particolarmente dinamico, parte vigorosamente come noir, poi si rilassa immediatamente gettando le basi per un dramma sentimentale e poi muta nuovamente forma da un momento all’altro tornando allo stile iniziale.
La fotografia, a tratti quasi monocromatica, sempre tendente al blu, è perfetta sia per la città che per le scene nei boschi e riesce sempre a sottendere un’atmosfera malsana, e un’aura di tensione stampata sul volto dei bravissimi attori e trasferita attraverso le parole da un doppiaggio più che sufficiente. I cattivi presagi ipotizzati dallo spettatore si avvereranno con un colpo di scena del tutto inaspettato e culmineranno con un tragico ma catartico finale di una pellicola che sembra in molti aspetti un Fargo in salsa fiamminga.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext