Recensione su Dancer in the Dark

/ 20007.8239 voti

Il musical secondo Von Trier / 22 Maggio 2014 in Dancer in the Dark

E’ l’angoscia a farla da padrona nelle opere di Von Trier (almeno in quelle visionate fin’ora dal sottoscritto). Quella e le figure femminili che ruotano intorno alle vicende narrate dal regista danese. Non fa eccezione Bjork, cantante islandese che presta voce e corpo alla tragica figura di Selma Jezkova.
Interessante la scelta di Von Trier di sperimentare il genere del musical, ricreando uno stile personale e originalissimo (canzoni che prendono vita da veri e propri “rumori,” inquadrature fisse da svariate posizioni e immancabile telecamera a spalla).

Lascia un commento

jfb_p_buttontext