1996

Crash

/ 19966.7110 voti
Crash
Crash

A seguito di un terribile incidente stradale, James Ballard scopre di provare un'inedita passione per gli scontri automobilisti che risvegliano in lui una forte eccitazione sessuale. In un crescendo di esaltazione, coinvolge la moglie Katherine in una torbida relazione con altri personaggi prigionieri, come lui, dell'attrazione per il sesso, la violenza, le lamiere contorte delle automobili accidentate. Premio della giuria al Festival di Cannes 1996.
scimmiadigiada ha scritto questa trama

Titolo Originale: Crash
Attori principali: James SpaderDeborah Kara UngerHolly HunterElias KoteasRosanna ArquettePeter MacNeill, Cheryl Swarts, Yolande Julian, Nicky Guadagni, Ronn Sarosiak, Boyd Banks, Judah Katz
Regia: David Cronenberg
Sceneggiatura/Autore: David Cronenberg
Colonna sonora: Howard Shore
Fotografia: Peter Suschitzky
Costumi: Denise Cronenberg
Produttore: David Cronenberg, Robert Lantos, Jeremy Thomas
Produzione: Canada
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 90 minuti

cronenberg ballard geni assoluti / 5 Settembre 2018 in Crash

una storia agghiacciante che solo un genio come ballard poteva scrivere e che solo un genio come cronenberg poteva pensare di portare al cinema. scene di sesso sporche e disgustose, parole schifose. musiche martellanti e fastidiose. finale assurdo.

21 Agosto 2015 in Crash

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Perverso film di Cronenberg dove i protagonisti, sopravvissuti a disastrosi incidenti stradali sviluppano una pulsione sadomasochista verso il sesso ed il rischio di morte, fra la deformazione indotta del corpo umano dagli incidenti a dalle protesi e il piacere estetico e sessuale, fra automobili, lamiere e corpi umani.

Pesantezza psicologica. / 19 Febbraio 2014 in Crash

Capolavoro di Cronenberg. Uno dei migliori secondo me. Ma parlare di “miglior film” per il regista canadese è davvero difficile: ogni inquadratura è perfetta , ogni dettaglio ti cattura. Non è un film per tutti.

30 Gennaio 2013 in Crash

Crash. Rido solo a nominarlo.
Dopo averlo visto svariate volte, continuo a chiedermi “perché?”, ma quando si tratta di Cronenberg è una domanda più che plausibile.
Il romanzo di Ballard, a cui si è ispirato il film, non l’ho mai letto, ma credo che a breve lo leggerò. Cinematograficamente è assurdo e interessante, quindi mi chiedo se su carta sia la stessa cosa. C’è pure da dire che io adoro questo genere di cose, un po’ stravaganti, un po’ surreali, un po’ perverse.
Il film non era entusiasmante e non lo trovo paragonabile ad altri capolavori di Cronenberg (Inseparabili, Il pasto nudo, existenz, a History of Violence, La promessa dell’assassino), ma è un buon film, comunque, molto carino e quasi unico nel suo genere.

Leggi tutto

sesso, auto e… / 16 Agosto 2011 in Crash

Inutile stare a parlare della trama o dei risvolti psicologici sottesi a circa un’ora e mezzo di sesso. Gli obiettivi sono chiari: la rimodellazione del corpo attraverso la tecnologia (protesi metalliche, chiodi, viti, Cronenberg ci manda a nozze con queste inquadrature) e il sesso come energia che si sprigiona dal contatto fisico (l’appagamento che si raggiunge al di là della sfida estrema con la morte e che non sarà mai tale finchè non verrà celebrato dalla morte). Ma il film è solo ed esclusivamente una sciorinatura di scene erotiche.
Imbarazzante, perverso, finanche ipocrita.
Vado controcorrente nel definirlo così, ma dopo aver visto “inseparabili”, un’opera meravigliosa, questo “crash” l’ho trovato abbastanza inutile, per nulla interessante. Sicuramente dotato di una forte carica erotica (grazie a Deborah Kara Unger!), con una fotografia gelida quanto l’acciaio delle auto (sfregiate come i corpi), non colpisce a fondo, anzi la butta nel banale. La sfida sulla strada per raggiungere l’eccitazione e vincere l’apatia del solito sesso. Francamente non lo definirei proprio il film del terzo millennio.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.