Con Air

/ 19976.1151 voti
Con Air

Cameron, un militare detenuto per eccesso di difesa, accetta un passaggio sul Con Air, l'aereo che trasporta abitualmente carcerati da una struttura all'altro, per raggiungere la sua famiglia. L'uomo resta coinvolto nel dirottamento del velivolo.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Con Air
Attori principali: Nicolas CageJohn CusackJohn MalkovichVing RhamesNick ChinlundSteve Buscemi, Colm Meaney, Rachel Ticotin, Dave Chappelle, Mykelti Williamson, Danny Trejo, M.C. Gainey, Steve Eastin, Monica Potter, Landry Allbright, Renoly Santiago, Brendan Kelly, Jesse Borrego, José Zúñiga, Mongo Brownlee, Don Charles McGovern, Angela Featherstone, Doug Hutchison, Jeris Poindexter, David Ramsey, Conrad Goode, Emilio Rivera, Mario Roberts, Ty Granderson Jones, Bob Stephenson, Dylan Haggerty, Carl Ciarfalio, Ned Bellamy, John Roselius, Fredric Lehne, John Marshall Jones, Tommy Bush, Brian Willems, Bill Cusack, Jamie Bozian, Harley Zumbrum, Doug Dearth, Chris Ellis, George Randall, Dabbs Greer, Marco Kyris, Kevin Gage, Dan Bell, Scott Ditty
Regia: Simon West
Sceneggiatura/Autore: Scott Rosenberg
Colonna sonora: Trevor Rabin, Mark Mancina
Fotografia: David Tattersall
Costumi: Bobbie Read, Hugo Peña
Produttore: Jerry Bruckheimer, Chad Oman, Jonathan Hensleigh, Jim Kouf, Lynn Kouf, Peter Bogart
Produzione: Usa
Genere: Azione, Thriller
Durata: 115 minuti

Coatto…. / 28 Marzo 2013 in Con Air

Gran vaccata, ma gli do un 6 perchè è una vaccata confezionata con cura, una vaccata che non sembra quasi una vaccata, ma è proprio una vaccata e anche coatta!!! E poi c’è Steve Buscemi.

Le uscite di sicurezza da questo film sono qui, qui e qui. / 28 Marzo 2013 in Con Air

Insieme a Independence Day e Armageddon questo film del 1997 forma il podio delle pellicole più imbecilli della storia del cinema americano (e forse non solo). Dopo questa frizzante premessa vediamo un po’ le componenti di questo kebab andato a male. La regia è di Simon West (tra l’altro al suo esordio), regista prestato al cinema dalla pubblicità che non capisce la differenza tra girare filmati di due ore e spot di qualche decina di secondi: sono presenti infatti una quantità esagerata di scene action senza un senso logico e la maggior parte di esse ha come unico scopo allungare la zuppa. Perfetto. Primi piani casuali, movimenti della telecamera incomprensibili e scelte interni-esterni discutibili riempiono questo mirabile capolavoro senza dare al tutto uno stile preciso. Si potrebbe obiettare nell’inesperienza dovuta all’esordio, peccato che West nella sua carriera dirigerà anche Lara Croft: Tomb Raider e I mercenari 2, non esattamente due “must-see movies”: diciamo semplicemente che è un regista scarso? Diciamolo. Se la regia è scadente, la sceneggiatura è un orrore. Trama spessa come il domopak e telefonata dopo quindici minuti, personaggi così stereotipati da sfociare nel ridicolo involontario e battute così ca**one, fasciste e sopra le righe da sembrare un perenne discorso del Sergente Maggiore Hartman di Full Metal Jacket (senza la sua classe ovviamente). Per quasi due ore si assiste a dei detenuti che cazzeggiano su un cavolo di aeroplano con lo spirito dei boy scout in gita nei boschi finendo per odiarli dal primo minuto; il problema è che non li si odia perché sono i villains del film, ma perché ci si rende conto che più ne muoiono più il finale si avvicina. Altro dato stupido è che a differenza dei film d’azione senza pretese manca la presenza femminile da arredo, la bella ragazza mezza nuda inutile ai fini della trama. Potrebbe anche mancare perché il protagonista cerca di tornare dalla sua famiglia, e quindi ci sono di mezzo i sacri valori morali, ma Con Air è una pellicola per famiglie quanto può esserlo La sottile linea rossa, quindi perché ometterla? Come protagonista di questa oscenità spicca un Nicolas Cage capelluto alla “ultimo dei Mohicani” che conferma la sua inespressività e la sua partecipazione a film piacevoli come leccare la sabbia. Si mantiene sui suoi standard e basta, altrimenti ci sarebbero troppe cose da dire e troppi santi da scomodare. Per concludere, come recita il vecchio detto “il totale a volte è inferiore alla somma delle parti”, si registra la presenza in questa chiavica di grandi attori sputtanati come Steve Buscemi e John Malkovich. Ah già c’è anche John Cusack…

Leggi tutto