Come tu mi vuoi

/ 20074.9357 voti
Come tu mi vuoi

Giada è una studiosa ma impacciata studentessa universitaria che non cura affatto il proprio aspetto. Innamoratasi di Riccardo, un compagno di studi viveur e vanesio, Giada è disposta a cambiare radicalmente, pur di farlo innamorare di lei.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Come tu mi vuoi
Attori principali: Cristiana CapotondiCristiana CapotondiNicolas VaporidisNicolas VaporidisGiulia SteigerwaltGiulia SteigerwaltNiccolò SenniNiccolò SenniElisa Di EusanioElisa Di EusanioPaola Carleo, Paola Roberti, Marco Foschi, Roberto Di Palma, Luigi Diberti, Gianfranco Barra, Delia D'Alberti, Denise Faro, Ludovica Modugno, Riccardo Rossi, Desy Luccini, Marco Siciliano, Mostra tutti
Regia: maschioVolfango De Biasi
Sceneggiatura/Autore: Volfango De Biasi, Tiziana Martini, Alessandra Magnaghi, Gabriella Tomassetti
Produzione: Italia
Genere: Commedia

Dove vedere in streaming Come tu mi vuoi

Simpatico / 5 Settembre 2018 in Come tu mi vuoi

Quando vai a leggere le recensioni di questo genere di film tutti a commentare di quanto gli abbia fatto schifo o di quanto sia banale, est.ect. . Ma scusate, se è un genere che proprio non vi piace non guardateli e basta senza dover dimostrare che siete dei grandi esperti di cinema.
A mio parere, tra il suo genere, che non prediligo e quasi mai apprezzo, “Come tu mi vuoi” è un film fatto bene in principio e capace di far ridere e riflettere.
Direi sopratutto ridere ahah.

Leggi tutto

Cosa? / 1 Luglio 2017 in Come tu mi vuoi

Inizio col dire che questo film è veramente uno stupro intellettuale, davvero, è letteralmente uno stupro intellettuale : dialoghi ridicoli( ad esempio quando la protagonista chiede alla ricca “ amica ” perché l’avesse aiutata, e lei risponde :” perché mi annoiavo”), trama inconsistente e davvero molto, ma molto, banale, interpretazioni pessime, per non dire ridicole in alcuni casi, ma forse forse si salva solo un po’ Cristiana Capotondi, gli altri attori…
Meglio calare un velo pietoso…

Leggi tutto

Banalismo a go’-go’ / 18 Giugno 2016 in Come tu mi vuoi

La corruttibilita’ dell’animo umano esiste da sempre, ma che debba essere un pretesto per costruirci sopra una banale storiella d’amore tra ragazzotti che esplora la superficialita’ che purtroppo accompagna i nostri giovani mi sembra un po’ troppo.
Il mondo giovanile (e non solo) fa schifo, improntato tutto sull’apparenza, sulla poverta’ etica, sui vestiti alla moda, sui locali “in” ed e’ naturale che una ragazza colta e intelligente ma ovviamente bruttina, dopo aver sputato veleno contro il sistema che ci vuole tutti bellissimi e vincenti, si trasformi anche lei in una superfashion zoccola di prima categoria nel tentativo di conquistare il fighetto di turno(un Nicolas Vaporidis inconsistente come l’aria).
La prima parte del film non e’ poi cosi’ male a pensarci bene (togliendo ovviamente la scarsa caratterizzazione dei personaggi), ma la seconda e’ terrificante, si scade nel banale, nel patetico e nella stupidita’ di certi dialoghi stucchevoli e di moralismo e sentimentalismo davvero terra-terra.
Se la metamorfosi di Cristiana Capotondi, ragazza esteticamente carina trasformata in cozza e’ la cosa migliore del film, allora stiamo messi davvero male, significa che questo film da dire ha ben poco.

Leggi tutto

LA VERGOGNA DEL CINEMA…… / 15 Gennaio 2013 in Come tu mi vuoi

Insignificante e banale, tutto gira attorno all’importanza dell’apparire e alla fine…? col cavolo avrei fatto la scelta che ha fatto lei!!! ma và và…la solita cazzata italiana! robaccia!

Francamente imbarazzante / 3 Gennaio 2013 in Come tu mi vuoi

Avessi potuto, avrei messo zero. Ridicolo, squallido, per nulla comico, oserei dire che raggiunge pure una qualche vetta di volgarità, aiutata anche dalla presenza dell’inutile Vaporidis di cui nessuno, ora che partecipa a meno “pellicole” italiane, sente francamente la mancanza.
La Capotondi macchietta insignificante. Potrebbe essere il più brutto “film” di genere dopo “Tre metri sopra il cielo”.
Chiaramente è pressoché impossibile parlare di qualità registiche. Se almeno inviasse qualche messaggio allo spettatore, potrebbe avere un significato. Pessimo.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.