Recensione su Cold in July

/ 20146.454 voti

Thriller senza infamia, né lode / 9 Dicembre 2015 in Cold in July

(Cinque stelline e mezza)

Di questo film, ho apprezzato il triplice scarto narrativo: ogni volta che la storia mette piede in un preciso solco e sembra esaurirne gli argomenti, voilà, eccone pronto un altro per risvegliare l’attenzione intorpidita dello spettatore.

Detto ciò, la pellicola di Mickle è abbastanza lineare e , tecnicamente, non si distingue per scelte particolari, se non quelle legate ad una colonna sonora che un po’ fuori tempo massimo e senza il fascino rétro, che so, di un Kavinsky pro Refn (vedi, Drive), propone suoni sintetici, da primi anni Ottanta, in un film che, invece, è ambientato alla fine della decade.

Buone ma non indimenticabili le interpretazioni (mamma mia come si sta disfacendo Shepard…), con un Don Johnson divertito nel suo cappellaccio lustro da cowboy.

Lascia un commento