Recensione su Codice Genesi

/ 20106.0214 voti

26 febbraio 2011

Un’altra scelta azzeccata per Denzel Washington, che non sbaglia mai. Questo è un film particolare, fatto con poco ma dai contenuti profondi. La Terra è collassata perchè avevamo troppo di tutto e non sapevamo dargli il giusto valore, e così i libri diventano proibiti e in seguito bruciati, la gente impara a sopravvivere con quello che trova, e l’acqua è il bene più prezioso di tutti. E poi c’è Eli, un solitario che ricorda ancora com’era la vita prima dell’apocalisse, un uomo dai sani principi ma che per difenderli non guarda in faccia a nessuno, nemmeno se si tratta di usare la violenza.
L’atmosfera post-apocalittica è resa molto bene dai colori giallo\grigi dovuti al sole e alla polvere (ricorda un pochino Mad max) e per quanto il seguito del film, inizialmente molto violento, possa risultare a qualcuno troppo buonista e basato su una fede che non riconosce, rimane comunque una bella storia.

4 commenti

  1. Matteo Bostsethi / 26 febbraio 2011

    Sì, sono d’accordo. Partito con poche aspettative (a me il Denzel invincibile…) mi sono trovato invece davanti ad una bella storia raccontata anche piuttosto bene (grazie soprattutto al sempre enorme Gary Oldman). Non sono d’accordo invece, come al solito, sulla traduzione del titolo.

  2. Notta / 7 febbraio 2013

    No aspetta,fatto con poco proprio no,il budget è di circa 80 milioni,se intendevi il costo di produzione

Lascia un commento

jfb_p_buttontext