Recensione su Quarto potere

/ 19418.7429 voti

23 aprile 2014

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Welles confeziona una storia, seppur frammentaria, di un uomo ( Kane ) votato alla grandezza e al potere, riflesso condizionato di un’infanzia depauperata del libero arbitrio, nonché di un’innocenza pagata troppo presto. Benché affamato di ideali e principi nobili, Kane inconsapevolmente cela dietro l’abito di questi intenti, egoismo e vanità; ma all’occhio indagatore di chi lo scruta non vi è certezza, e quindi non si può né definirlo, né incatenarlo in una sorta di personaggio triste, che malgrado le sue immense ricchezze non riesce a possedere nulla, se non la folle convinzione di amare e di essere amato soltanto alle sue condizioni. Non vi è certezza dunque, se non nello stesso alone di mistero che circonda la sua arcana figura, ed è proprio questa ad arricchirlo e a renderlo forse il personaggio più interessante creato ad arte in una pellicola, sebbene Welles si sia ispirato alla vita dell’editore, imprenditore e politico statunitense William Randolph Hearst.
Kane in un certo senso è letteratura d’altri tempi, quella romantica ed egoista, che cerca nella sua infinita eleganza un piacere che non esiste, ma che anela a conquistare. Orson Welles, a soli venticinque anni carpisce l’effimera direzione di quel vento, di quella brezza che spira in gioventù, e poi si affievolisce cercando di ripercorrere quel sentiero che l’ha portata così lontano. E la dirige, la veicola, ma in modo casuale, così da non avere chiara in noi la direzione. E quello che rimane è un piccolo silenzio, una flebile voce di un ragazzino che forse alla sua smisurata eredità avrebbe preferito ancora un giro sulla sua vecchia slittina, sulla sua adorata Rosabella.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext