11 Recensioni su

Humandroid

/ 20156.5207 voti

sarebbe un 7.5 / 27 Aprile 2019 in Humandroid

apprezzo il lavoro di Neill Blomkamp, al di là di tutto sta dando una bella scossa al cinema fantascientifico. Peccato questo Chappie sappia un po troppo di superficialità, buona l’idea ma scade molto nei classici clichè cinematografici. CGI ed animazioni fantastiche, come i suoi lavori precedenti.

Nuova ma interessante rilettura sci-fi di Pinocchio / 17 Maggio 2017 in Humandroid

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

In sostanza, si tratta di una nuova rilettura sci-fi del Pinocchio collodiano. Eppure, il film di Blomkamp è riuscito ad appassionarmi e divertirmi, complice un uso sopraffino degli effetti visivi, perfettamente integrati con gli elementi reali.

La caratterizzazione di Chappie è ben modulata, riesce a far leva con facilità sullo spettatore, senza eccedere in sterili ciccipuccionerie.
Al contrario, ho trovato abbastanza incolori ed elementari quelle degli altri personaggi, i “genitori cattivi” in primis.
Benché Hugh Jackman sia inguardabile, con quello pseudo-mallet in testa, il suo personaggio è abbastanza emblematico, però ne ho colto la complessità e il vero apporto al racconto solo nel concitato ma riuscito finale: la sua ostinazione, dapprima imputabile solo al suo retorico fervore “da scienziato” assume connotazioni estreme, quando ne viene evidenziata in almeno un paio di occasioni la deriva religiosa (prima di “andare in missione”, Jackman si fa il segno della croce, quindi lascia presumere che il suo personaggio sia fortemente credente).
In un crescendo di efferatezze (corpi tranciati, schiacciati, crivellati di colpi…), Jackman mostra un uomo che prova piacere a uccidere e che, in un’estensione meccanica del suo corpo, ha trovato lo strumento adatto per soddisfare desideri che, come militare “normale”, non immaginava di avere o non aveva avuto la possibilità di esprimere.
Ho trovato interessante anche tutto il resto del versante filosofico del film, con la distinzione tra anima e coscienza e la “trasportabilità” della seconda.

Il finale aperto suggerisce un possibile sequel, con gli androidi in grado di “riprodursi” all’infinito e gli umani capaci di diventare immortali grazie a una “conchiglia” robotica.

Leggi tutto

Tsamina mina eh eh Chappie Chappie eh eh / 20 Febbraio 2016 in Humandroid

Normalmente i registi sono o “autori” o “di genere”…Neill Blomkamp riesce ad essere autore nel genere. Il regista sud africano, sfrutta la fantascienza per toccare temi sociali ed etici. Per come l’ho percepito io, questo film ha come tema centrale la famiglia. Chappie non è altro che un bambino conteso da due padri ,uno biologico e uno adottivo, che influenzano il suo modo di crescere, il suo modo di approcciarsi al mondo. In tutto questo c’è una madre che lo ama incondizionatamente che gli fa percepire il bene. Preciso che questa è la mia chiave di lettura.
Il film è fruibile anche da chi cerca solo un bel film di fantascienza con tante esplosioni .
La computer grafica è eccezionale e mai fine a se stessa.
Nota di demerito a Hugh Jackman, il suo personaggio recita solo frasi fatte

Leggi tutto

Mamma mia che cagata! / 24 Dicembre 2015 in Humandroid

….evidentemente Hugh Jackman aveva bisogno di soldi!

Robocop in District 9 / 1 Dicembre 2015 in Humandroid

Buon film sull’intelligenza artificiale dal regista di “District 9”.
Inizio che assomiglia a Robocop, con le nuove unità di robot dotati di intelligenza artificiale che vengono usati a Johannesburg come forza di polizia.
L’ingegnere Deon Wilson (Dev Patel, The Millionaire) sta cercando di sviluppare una nuova forma di intelligenza artificiale, più vicino alla coscienza umana. Nella stessa azienda lavora Vincent Moore (Hugh Jackman) che sviluppa un progetto diverso, una mostruosa macchina controllata a distanza da un umano.
Interessante nella prima parte, il film ha però i momenti migliori con Chappie, che inizialmente sembra un cucciolo che deve essere addestrato. Nel finale non mancheranno riferimenti di Neil Blomkamp al suo film di lancio.
Nel resto del cast da citare Sigourney Weaver (è il capo dell’industria che segue i progetti dei robot) mentre il fedele Sharlto Copley è Chappie nella versione originale.

Leggi tutto

Non male, 6.5 / 9 Settembre 2015 in Humandroid

Un film piacevole e in fondo tenerone, che mescola tecnologia, commedia e azione con un pizzico di romanticismo. Avrei scommesso in una fotocopia di “Real Steel” (tra l’altro anche quello con Hugh Jackman!) ma questo resta più piacevole. Un 6,5… perchè si poteva comunque fare di meglio.

1 Giugno 2015 in Humandroid

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Nel momento stesso in cui l’ho finito sapevo che sarebbe diventato uno dei miei film preferiti. Sarà forse per Chappie, per la presenza dei Die Antwoord o per la non troppo velata denuncia sociale.
Si aggiungono anche il finale buonista quanto “blasfemo” della coscienza umana trascinata in una macchina e della prospettiva dell’immortalità, che sotto questo nuovo punto di vista è un po’ una rivisitazione dei temi dei film sci-fi degli anni passati.
Per altro ho riso come una dannata per tutto il film.
Insomma le mie aspettative sono state più che superate e soddisfatte.

Leggi tutto

25 Aprile 2015 in Humandroid

Bloomkamp ha sufficiente criterio, da trattare senza eccessi un incipit derivativo, ma manda tutto in vacca nel conveniente e consolatorio epilogo.

25 Aprile 2015 in Humandroid

Io del film salvo solo la parte della crescita di chappie che secondo me è stata sviluppata troppo velocemente e in maniera superficiale .I “gangster sono veramente imbarazzanti,la loro caratterizzazione e i loro dialoghi sono di una banalità mostruosa.Non provi nessuna empatia nei loro confronti soprattutto alla fine quando cercano di diventare i “buoni” , gli eroi della situazione. Il concetto della “rinascita” poteva essere un argomento interessante ma è stato trattato con superficialità.

Leggi tutto

11 Aprile 2015 in Humandroid

Neill Blomkamp abbassa l’asticella e finalmente ritrova lo smalto. Abbandonate le denunce sociali e le allegorie di District 9, dimenticata la presunzione di Elysium, ritroviamo i bassifondi di Johannesburg e troviamo un esercito di robot a farvi la guardia. A produrli è una grossa società diretta da Sigourney Weaver, mentre a averli creati è Deon, un brillante ingegnere interpretato da Dev Patel. Deon però ha un piano più ambizioso: realizzare l’intelligenza artificiale perfetta, completamente indipendente dal controllo umano. A un robot di scarto Deon insuffla l’anima del suo prodigio coltivato di nascosto, ma una banda di simpatici delinquenti glielo ruba e gli affibbia il nome della discordia: CHAPPIE. Chappie è l’AI perfetta, ma ha bisogno di crescere e imparare, come un bambino. E come gli esseri umani dovrà capire la differenza fra il bene e il male, la giustizia e l’interesse personale.
Tranquilli, la questione morale è solo un pretesto per una sequela delirante di gag, perché quando Chappie entra in scena da personalità matura il film si rivela come una fantastica commedia fatta di contrasti e della caratterizzazione dell’interprete di Chappie, Sharlto Copley (in italiano doppiato perfettamente da Edoardo Stoppacciaro).

Il finale del film è apertissimo, quindi io adesso voglio una sit-com su Chappie.

Leggi tutto

11 Aprile 2015 in Humandroid

Questo film è stupendo. Regia sicura per Neil BlomKamp che ci regala un’altro capolavoro. Colonna sonora bellissima, i Die antwoord si dimostrano bravi anche come attori, i temi del film sono molti e sviluppati in modo intelligente a mio parere. Questo regista è uno dei migliori in questi anni e non penso mi deluderà in futuro.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.