Recensione su Cha cha cha

/ 20135.923 voti

28 Giugno 2013

Credo si possa definire un film di genere. Un quasi giallo che ricorda i noir americani e in un certo senso anche certi poliziotteschi anni 70 (quelli “seri” non quelli dedicati ar Monnezza).
Siamo a Roma, Corso un investigatore sta tenendo sotto controllo Tommy, il figlio di una sua vecchia fiamma per la quale ha anche dovuto lasciare la polizia. Uscendo dalla discoteca il giovane viene investito e l’incidente che dovrebbe essere casuale si rivela però essere voluto.
Il regista non usa quasi mai le luci, anche in pieno giorno (poche scene in verità) siamo sempre all’ombra se non addirittura al buio, segno che la verità è difficile da scoprire ma anche da vedere. Gli attori fanno il loro mestiere anche se forse manca quel qualche cosa in più. Luca Argentero è stropicciato ma non abbastanza, Claudio Amendola riesce quasi a far dimenticare che per anni ha recitato ne “i Cesaroni”, Eva Herzigova purtroppo non è stata chiamata per fare la femme fatale ma consideranto Stoker visto la settimana scorsa la trovo meglio, decisamente meglio di Nicole Kidman.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext