1974

Cani arrabbiati

/ 19747.862 voti
Cani arrabbiati
Cani arrabbiati

Dopo aver rubato le paghe di un istituto farmaceutico, quattro banditi si danno alla fuga, ma uno di loro rimane ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia. Gli altri tre malviventi prendono in ostaggio un uomo e una donna e continuano a scappare a bordo di una macchina sulla quale trovano un bambino.
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Cani arrabbiati
Attori principali: Riccardo CucciollaDon BackyLea LanderMaurice PoliGeorge EastmanMaria Fabbri
Regia: Mario Bava
Sceneggiatura/Autore: Alessandro Parenzo, Cesare Frugoni, Michael J. Carroll
Colonna sonora: Stelvio Cipriani
Fotografia: Emilio Varriano, Mario Bava
Produttore: Lamberto Bava, Alfredo Leone, Roberto Loyola
Produzione: Italia
Genere: Drammatico, Thriller, Poliziesco
Durata: 96 minuti

Un capolavoro / 18 Novembre 2017 in Cani arrabbiati

“Cani arrabbiati” è stato il più travagliato tra i film di Mario Bava, non distribuito nelle sale a causa del fallimento della casa di produzione e poi messo in onda grazie all’intercessione dell’attrice Lea Kruger,una delle protagoniste.
Un road movie spietato, un esperimento perfettamente riuscito da parte di Mario Bava che con un budget misero riesce a imbastire una storia agghiacciante, coinvolgente, ricca di colpi di scena e con un cast eccellente.
Perfetti anche i dialoghi che trasmettono quell’atmosfera mista a paura e mistero. Non c’è un attimo di pausa, la tensione è sempre altissima fino allo spiazzante finale.
Un capolavoro.

Leggi tutto

stracult / 15 Settembre 2014 in Cani arrabbiati

Tra alti e bassi Bava riserva sempre qualche sorpresa e qui ha dato il massimo, una gran storia con attori credibili e a questo punto mi chiedo perchè in Italia non si fanno più film così? Aridatece Bava!

Il miglior Bava! / 30 Maggio 2013 in Cani arrabbiati

C’è più Bava in “Reservoir Dogs”, in Italia “Le iene”, o più Tarantino in Rabid Dogs, da noi Cani Arrabbiati? Se si guardano gli anni di produzione di queste due straordinarie pellicole, la risposta è presto data, è il buon Quentin ad essersi ispirato a questo isterico on the road nostrano per il suo film del 1992. Già, così sembrerebbe, se non fosse che il film di Bava fu bloccato ai tempi della sua uscita nelle sale, nel lontano 1974, a causa del fallimento della casa di produzione di Roberto Loyola, produttore del film, e mai più sbloccato, almeno sino alle porte del nuovo millennio. Nessuno a parte gli attori, il regista e pochissimi altri, probabilmente, ebbe il privilegio di vederlo finito nella sua director’s cut all’epoca, ed anche ai giorni nostri ne girano diverse copie con piccole e grandi differenze, la più famosa il finale diverso. Calma!!! Non faccio spoiler per chi non lo avesse ancora visto. Dunque Tarantino, pur lavorando nella famosa, fornitissima videoteca di Manhattan Beach a Los Angeles, come gli altri, non potè ammirare questo autentico capolavoro e di conseguenza ispirarsi come invece avrebbe fatto più tardi negli anni.
Parlando del film in questione, “Cani Arrabbiati” è un autentico tour de force di cinismo e cattiveria umana, uno spaccato estremamente crudo e spietato di un’Italia anni 70 tutta piombo, pallottole e violenza. Non c’è redenzione, non c’è melodramma, non ci sono buoni sentimenti, nemmeno a parlarne, non c’è niente, solo ed esclusivamente l’avidità dell’uomo, qui rappresentato più come una bestia feroce, appunto, come un cane arrabbiato. Tre spietati criminali pronti a tutto in fuga dopo una sanguinosa rapina, un uomo con un bambino malato che avrebbe bisogno di cure mediche, una malcapitata ragazza urlante, ostaggi dei tre fuorilegge, ed una macchina. La macchina, il luogo dove si svolge l’80% dell’azione, il luogo dove tutte le dinamiche prendono forma, dai dialoghi, alle emozioni, alla morte. Un’ora e trenta minuti di calvario puro, anche per lo spettatore, spettatore che quasi si trasforma in un altro ostaggio, ma un calvario da gustarsi tutto, fino al memorabile e beffardo finale (il fiale di Bava, non quello rimaneggiato malamente), dove le nostre già piccolissime certezze, evaporano del tutto. Regia pazzesca, asciutta, svelta, attori prefetti, su tutti Riccardo Cucciolla, il gigantesco George Easteman e l’esagerato e gigionesco Don Backy nel ruolo della sua vita. L’autostrada che i sei percorrono è infuocata, ma dentro quella macchina la temperatura è ancora più alta. Un film da vedere e da avere.

Leggi tutto

Rabid Dogs / 19 Maggio 2013 in Cani arrabbiati

Altro che Iene, sono solo cani arrabbiati (cit.)

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.